Dipartimento Vigilanza bancaria e finanziaria

Go to the english version Cerca nel sito

Capo Dipartimento: Carmelo Barbagallo

Vice Capo Dipartimento: Paolo Angelini
Vice Capo Dipartimento: Andrea Pilati
Numero addetti: 721

Servizio Regolamentazione e analisi macroprudenziale

Elabora, propone all'Alta Direzione e realizza le linee strategiche dell'azione di vigilanza in materia di regolamentazione, cooperazione internazionale, analisi macroprudenziale, bilanci e principi contabili, segnalazioni degli intermediari.

Valuta gli impatti economici della regolamentazione di vigilanza sull'attività degli intermediari, delle imprese e sulla collettività; collabora con l'Unità di risoluzione e gestione delle crisi per la predisposizione, l'aggiornamento e l'analisi di impatto della normativa in materia di risoluzione.

Sviluppa i metodi e le procedure utili allo svolgimento del processo di valutazione prudenziale sui soggetti vigilati; conduce analisi trasversali sui singoli profili di rischio, anche per favorire il confronto tra gruppi omogenei di soggetti vigilati.

Numero addetti: 98

Titolare:

Servizio Supervisione bancaria 1

Nell'ambito del Meccanismo unico di vigilanza europeo, analizza la situazione tecnica e contribuisce al processo di revisione e valutazione prudenziale dei gruppi bancari italiani ed esteri significativi presenti in Italia, sottoposti alla diretta supervisione della BCE, concorrendo alla definizione dei relativi interventi di vigilanza; contribuisce all'esercizio della vigilanza supplementare sui conglomerati finanziari, in collaborazione con altre Autorità.

Analizza la situazione tecnica ed effettua interventi di vigilanza sui gruppi bancari e sulle banche - non sottoposti alla diretta supervisione della BCE - controllati da enti creditizi esteri e sulle succursali di banche estere extracomunitarie.

Segue gli interventi precoci sulle banche e sui gruppi bancari di competenza.

Numero addetti: 135

Titolare:

Servizio Supervisione bancaria 2

Nell'ambito del Meccanismo unico di vigilanza europeo, segue la situazione tecnica e concorre alla definizione degli interventi di vigilanza sulle banche e sui gruppi bancari italiani meno significativi presenti in Italia, sottoposti alla diretta supervisione della Banca d'Italia.

Effettua gli interventi precoci sulle banche e sui gruppi bancari di competenza, valuta i piani di risanamento e collabora ai piani di risoluzione.

Coordina l'azione di vigilanza esercitata dalle Filiali a livello decentrato.

Numero addetti: 73

Titolare:

Servizio Supervisione intermediari finanziari

Segue la situazione tecnica ed effettua gli interventi di vigilanza sui seguenti intermediari finanziari non bancari:

  • intermediari iscritti all'albo previsto dall'art. 106 del Testo Unico Bancario, incluse le società fiduciarie;
  • società che operano nei settori dell'intermediazione mobiliare (SIM) e della gestione del risparmio (SGR, SICAF, SICAV), vigilando sul rispetto delle norme nazionali da parte delle società UE che gestiscono Organismi di investimento collettivi del risparmio (OICR) di diritto italiano;
  • Istituti di moneta elettronica (IMEL) e Istituti di pagamento (IP).

Effettua gli interventi precoci sugli intermediari di competenza, valuta i relativi piani di risanamento e collabora ai piani di risoluzione.

Coordina l'azione di vigilanza esercitata dalle Filiali a livello decentrato sugli intermediari finanziari.

Svolge attività di supervisione sugli Organismi di controllo previsti dai Titoli V e VI-bis del Testo Unico Bancario.

Numero addetti: 55

Titolare:

Servizio Ispettorato vigilanza

Pianifica ed effettua ispezioni su gruppi bancari e banche, in conformità a quanto previsto dal Meccanismo unico di vigilanza europeo e, nei casi stabiliti, in cooperazione con le altre Autorità di settore nazionali ed estere. Svolge la medesima attività nei confronti degli intermediari non bancari e degli altri soggetti sottoposti per legge al controllo ispettivo della Banca, anche per quanto concerne i profili di trasparenza e correttezza delle relazioni con la clientela e antiriciclaggio. Cura la revisione, la gestione e la conservazione dei rapporti ispettivi.

Svolge verifiche per la convalida e la revisione dei modelli interni di misurazione dei rischi degli intermediari bancari e finanziari.

Numero addetti: 175

Titolare:

Servizio Tutela dei clienti e antiriciclaggio

Svolge analisi e interventi sugli intermediari vigilati in materia di usura, contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, collaborando con gli organismi istituzionali preposti.

Promuove la correttezza e la trasparenza delle relazioni tra gli intermediari e la clientela, svolge attività di controllo e di intervento, collaborando con le Autorità competenti; esamina gli esposti della clientela.

Coordina le segreterie tecniche dei Collegi in cui si articola territorialmente l'Arbitro Bancario Finanziario.

Promuove e coordina le iniziative della Banca in materia di educazione finanziaria.

Numero addetti: 64

Titolare:

Servizio Rapporti Istituzionali di Vigilanza

Cura i rapporti con l’Autorità Giudiziaria, le altre Autorità e gli organi investigativi. Segue i profili di comunicazione di interesse per la Vigilanza.

Amministra i sistemi informativi della Vigilanza e gestisce gli albi; svolge compiti connessi con la costituzione degli intermediari e l’accesso al mercato.

Esamina e gestisce le irregolarità riscontrate nelle attività di supervisione.

Segue i profili di innovazione finanziaria e tecnologica.

Svolge i compiti di Segreteria del Comitato interministeriale per il credito e il risparmio (CICR).

Numero addetti: 118

Titolare: