Ricerca economica e relazioni internazionali

Go to the english version Cerca nel sito

L’attività di ricerca e analisi in campo economico e statistico fornisce un supporto fondamentale all’elaborazione delle decisioni che la Banca d’Italia assume nell’ambito delle proprie attività istituzionali: la definizione della politica monetaria attraverso la partecipazione del Governatore al Consiglio direttivo della Banca centrale europea; le politiche per la stabilità finanziaria; la partecipazione all’attività dei principali organismi e istituzioni internazionali; la formulazione e la valutazione di proposte in materia di politica economica, in particolare con pareri al Parlamento e al Governo.

La Banca inoltre produce statistiche negli ambiti di propria competenza (ad esempio in materia bancaria e finanziaria e di bilancia dei pagamenti) e fonda le analisi empiriche e i confronti internazionali su un ampio patrimonio di dati, propri e di altre istituzioni.

I risultati dell’attività di ricerca, analisi e informazione statistica sono diffusi mediante le pubblicazioni ufficiali e le collane scientifiche dell’Istituto, nonchè attraverso saggi e articoli pubblicati in volumi o su riviste specializzate. I lavori di ricerca sono discussi in convegni e seminari organizzati dalla Banca e da altri enti.

La ricerca su materie economiche e statistiche in Banca d'Italia viene condotta prevalentemente nel Dipartimento Economia e statistica; l'analisi dei fenomeni economici e finanziari viene svolta a livello locale dalle strutture per la ricerca economica territoriale.

Nell’ambito delle relazioni e della cooperazione internazionale in campo economico e finanziario, la Banca d’Italia partecipa, in rappresentanza del nostro paese, a numerosi organismi e istituzioni, ricoprendo anche un ruolo di supporto alle decisioni del Governo.

L’Istituto promuove inoltre iniziative di formazione e consulenza per rafforzare le competenze di altre banche centrali e autorità di vigilanza di paesi che si preparano a entrare nell’area dell’euro o candidati all’Unione europea e di altre economie emergenti.

L'organizzazione del Dipartimento Economia e statistica

Le pubblicazioni scientifiche degli economisti

In questa sezione è possibile consultare l’elenco delle pubblicazioni scientifiche dei ricercatori del Dipartimento Economia e statistica e dei Nuclei di Ricerca Economica della Banca d’Italia a partire dal 1990. Le informazioni sono riportate in un foglio di lavoro Excel, articolato nei seguenti campi:

  • Titolo del lavoro
  • Autori
  • Affiliazioni
  • Fonte (titolo della rivista o del libro in cui compare il lavoro)
  • Anno di pubblicazione
  • Tipologia del lavoro (lavoro pubblicato su rivista/raccolta di articoli/libro/working paper/editor's introduction)

Altre informazioni sulle pubblicazioni scientifiche dei ricercatori del Dipartimento possono essere acquisite su alcuni siti specializzati.

Lavorare nella ricerca economica

Se hai un Ph.D./Dottorato o sei in procinto di ottenerlo, la Banca d'Italia bandisce annualmente borse di ricerca per economisti da fruire a Roma presso il Dipartimento Economia e statistica. Le borse hanno una durata di 12 mesi rinnovabili per ulteriori 12 mesi del valore di € 4.000 mensili lordi. Gli assegnatari del finanziamento sono chiamati a sviluppare un progetto di ricerca da loro stessi proposto nell'ambito delle macro aree indicate nel bando di concorso. La selezione viene indetta, di solito, nel mese di ottobre con la possibilità di candidarsi fino alla fine di novembre. Concluso il progetto di ricerca, gli assegnatari delle borse possono essere invitati a partecipare ad una selezione per l'assunzione a tempo indeterminato nel grado iniziale della carriera direttiva della Banca d'Italia.

Se invece sei un brillante laureato in discipline economiche, finanziarie o giuridico-economiche e vuoi perfezionarti in queste discipline per un eventuale futuro da economista nel Dipartimento Economia e statistica della Banca d’Italia puoi partecipare a una selezione per titoli per l’assegnazione di una borsa di studio “Stringher”, “Mortara” o “Menichella”. Tali borse ti consentiranno di frequentare per uno o due anni corsi dottorali o di specializzazione presso i più prestigiosi atenei del mondo e, una volta superata un'ulteriore selezione con prove, di essere assunto con un contratto a tempo indeterminato dalla Banca d'Italia.

Argomenti Correlati

Stabilità finanziaria

Il sistema finanziario è una complessa infrastruttura che consente alle famiglie, alle imprese, alle amministrazioni pubbliche e agli altri operatori economici di effettuare pagamenti, trasferire risorse e gestire rischi. Assicurare il buon funzionamento di questa architettura è il compito delle autorità responsabili della stabilità finanziaria.

Pubblicazioni Pubblicazioni

Le pubblicazioni della Banca d'Italia riflettono le attività svolte dall'Istituto e sono a carattere economico-finanziario, storico e giuridico.

Statistiche

Le informazioni statistiche sono elaborate, controllate e diffuse seguendo i migliori standard internazionali. L'utilizzo e la diffusione delle informazioni contenute in questa sezione del sito sono consentiti nel rispetto delle condizioni di utilizzo delle statistiche del SEBC.

Archivio storico

L'Archivio storico della Banca d’Italia (ASBI) rappresenta una delle fonti principali per le ricerche sulla storia economica e bancaria italiana degli ultimi due secoli. Conserva documentazione di primaria importanza in materia di politica economica e monetaria nazionale, sull’evoluzione del sistema bancario, sulla storia industriale italiana, sulle economie locali, sui rapporti economici internazionali.

Biblioteca

La Biblioteca della Banca d’Italia fu costituita nel 1894 e suddivisa in due sezioni: quella economica e quella giuridica. Negli anni trenta le due sezioni si separarono dando vita alla Biblioteca economica e alla Biblioteca giuridica. Oltre a fornire materiale informativo e letteratura specialistica al personale della Banca d’Italia, entrambe le Biblioteche sono aperte al pubblico, in particolare a docenti, ricercatori, economisti, giuristi, esperti di altre istituzioni e studenti universitari.