Rilevazioni su specifiche tematiche di vigilanza

Go to the english version Cerca nel sito

In questa sezione sono riportate le istruzioni relative a specifiche rilevazioni, periodiche o richieste ad hoc, condotte su particolari tematiche di vigilanza, volte a raccogliere informazioni non ricomprese tra quelle rese disponibili dai flussi segnaletici trasmessi periodicamente dagli enti creditizi e finanziari.

Comunicazione di gravi incidenti di sicurezza informatica - Banche, Istituti di pagamento, Istituti di moneta elettronica

Nell'ambito della normativa relativa alle disposizioni di vigilanza prudenziale (Circolare 285 - Parte Prima - Titolo IV - Capitolo 4, "Il sistema informativo", per le banche; provvedimento normativo del 17 maggio 2016 "Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica" - Capitolo VI, "Organizzazione amministrativa e contabile e controlli interni", per gli istituti di pagamento e di moneta elettronica) figura l'obbligo di comunicare tempestivamente alla Banca d'Italia i gravi incidenti di sicurezza informatica. Per agevolare gli istituti nella raccolta e rappresentazione delle informazioni necessarie a tale comunicazione, viene fornita in questa pagina apposita modulistica in formato Excel. In relazione alle specifiche informazioni richieste alle diverse categorie di intermediari, sono stati predisposti tre diversi modelli, rispettivamente per le banche significant, per le banche less significant e per gli IP e gli IMEL. Si precisa che il modello per le banche significant integra i requisiti della rilevazione degli incidenti di cybersecurity prevista in ambito SSM. Le istruzioni per la compilazione sono annesse ai moduli stessi.

Esposizioni rilevanti

Al fine di acquisire informazioni più tempestive e approfondite sulla rilevanza, per il sistema bancario e finanziario italiano, dell’esposizione nei confronti dei principali gruppi bancari e finanziari esteri, nonché sull’ammontare degli strumenti finanziari emessi da questi ultimi e detenuti dalla clientela nelle varie forme di risparmio gestito, amministrato e a custodia, è stata istituita, a partire dal 2008, una rilevazione finalizzata ad acquisire informazioni relative alle esposizioni proprie e della propria clientela nei confronti di alcuni grandi gruppi bancari internazionali (c.d. “esposizioni rilevanti”).

Rilevazioni anagrafiche G.I.A.V.A.

Queste rilevazioni interessano gli intermediari bancari e finanziari iscritti negli albi della Banca d'Italia per la produzione delle segnalazioni di tipo anagrafico.

La procedura G.I.A.V.A. (Gestione Integrata Albi di Vigilanza e Anagrafi) prevede che alcune informazioni anagrafiche siano fornite dagli intermediari con segnalazioni di tipo elettronico, gestite attraverso questo sito, in luogo delle comunicazioni su supporto magnetico o cartaceo sinora utilizzate.

Sono attive le seguenti rilevazioni:

  • organi sociali, che interessano tutti gli intermediari vigilati
  • succursali e uffici di rappresentanza, cui sono tenuti le banche, gli istituti di pagamento e gli IMEL
  • OICR, a cura degli intermediari operanti nella gestione collettiva del risparmio (SGR, SICAV, ecc.). 

Segnalazione Libro Soci

La segnalazione assolve agli obblighi annuali di comunicazione dei partecipanti al capitale, previsti dalle seguenti disposizioni della Banca d’Italia:

  • per le banche, escluse le banche popolari e le banche di credito cooperativo: Circolare della Banca d’Italia n. 229 (Titolo II - Capitolo I, Sezione V, paragrafo 2);
  • per le SIM: Circolare n.164 (Titolo II – Capitolo 6, paragrafo 4);
  • per gli IP e gli IMEL “Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica” del 17 maggio 2016 (Capitolo III, Sezione III);
  • per SGR, SICAV, SICAF: “Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio”, Titolo IV, Capitolo III, Sezione II, paragrafo 7;
  • per gli Intermediari finanziari iscritti all’albo unico, esclusi i confidi: Circolare n. 288 (Titolo II - Capitolo I, Sezione IV).

Segnalazioni agenti SDP

Gli istituti di pagamento e gli IMEL operanti in Italia sono tenuti a segnalare alla Banca d’Italia l’elenco degli agenti convenzionati per la prestazione di servizi di pagamento.

La predisposizione e l’invio delle segnalazioni avvengono secondo le istruzioni riportate di seguito.

Sistemi di remunerazione

Si riportano di seguito gli schemi per la rilevazione delle informazioni richieste ai sensi delle Comunicazioni per la raccolta dati sui compensi presso banche e SIM e le istruzioni operative per l'accesso al sistema di raccolta dati Infostat.

Comunicazione di gravi incidenti di sicurezza informatica - Banche, Istituti di pagamento, Istituti di moneta elettronica

Esposizioni rilevanti

Rilevazioni anagrafiche G.I.A.V.A.

Segnalazione Libro Soci

Segnalazioni agenti SDP