Segnalazioni EBA - ITS

Go to the english version Cerca nel sito

Dal 2011 l'Autorità Bancaria Europea (EBA) ha avviato la definizione di schemi segnaletici di vigilanza armonizzati (Implementing Technical Standard, ITS) a contenuto statistico di vigilanza (FINREP) e prudenziale (COREP). Tali schemi, una volta adottati dalla Commissione europea con un regolamento di esecuzione, sono vigenti negli Stati membri. Il primo è entrato in vigore nel 2014.

L'ITS definisce il modello di rappresentazione dei dati (template) e le istruzioni per la sua compilazione; in aggiunta l'EBA cura altri documenti, non riportati direttamente nell'ITS, sul Data Point Model e sul formato di trasmissione XBRL, nonchè le metodologie per la verifica della qualità delle informazioni (c.d. validation rules).

Nel Single Supervisory Mechanism (SSM) le informazioni raccolte sulla base dell'ITS sono utilizzate dalla Banca Centrale Europea per lo svolgimento dei propri compiti di supervisione. Con riferimento a un sottoinsieme di banche indicato dall'EBA, la BCE inoltra a quest'ultima le medesime segnalazioni armonizzate ricevute dalle autorità di vigilanza nazionali.

FONTI NORMATIVE PER LE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA ARMONIZZATE

Le principali fonti regolamentari che disciplinano la raccolta dei dati sono:

  • Reg. UE n. 575/2013 (c.d. "CRR")
  • Direttiva UE n. 36/2013 (c.d. "CRD IV")
  • Decisione BCE n. 29/2014
  • Reg. UE n. 680/2014 e ss. (c.d. "Regolamento EBA-ITS")
  • Reg. UE n. 2070/2016

Inoltre si riportano di seguito alcuni ITS (Implementing Technical Standards), RTS (Regulatory Technical Standards), Guideline pubblicati dall’EBA, Regolamenti e Decisioni della UE e della BCE (per  maggiori dettagli si rimanda al "Legal Framework›ECB legal acts› General framework" della BCE) utili a produrre le segnalazioni di vigilanza armonizzate:

Documentazione sugli standard tecnici EBA

A supporto della consultazione dei documenti EBA, sono anche disponibili alcune note esplicative.

Per il dettaglio completo dei documenti EBA, si fa rimando al sito Regulation and policy > Supervisory reporting.

F.A.Q.