Rimesse verso l'estero degli immigrati in Italia

Go to the english version Cerca nel sito

I dati sulle rimesse dei lavoratori immigrati in Italia riportano i trasferimenti di denaro all'estero regolati tramite istituti di pagamento o altri intermediari autorizzati senza transitare su conti di pagamento intestati all'ordinante o al beneficiario (regolamento in denaro contante).

L'aggiornamento dei dati pubblicati avviene trimestralmente; dal 2016 i dati sono disponibili su base trimestrale con disaggregazione per paese estero ricevente e su base annuale con l'ulteriore informazione della provincia italiana di invio.

Dati

Le rimesse verso l'estero nel primo trimestre 2022

Nel primo trimestre del 2022 le rimesse inviate all'estero dagli stranieri residenti in Italia sono aumentate del 7,1 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Gli incrementi più consistenti si sono registrati nei flussi verso i paesi dell'Africa del nord e del Vicino Oriente (+20,7 per cento) e verso i paesi dell'Asia (+11,9 per cento; tav. 1). Si sono invece ridotte le rimesse verso i paesi interni all'Unione europea (-7,7 per cento, in particolare quelle verso la Romania). Sulla base dei quattro trimestri terminanti in marzo 2022, i primi tre paesi beneficiari delle rimesse dall'Italia sono Bangladesh, Pakistan e Filippine, che ricevono rispettivamente il 12,0, l'8,1 e il 7,6 per cento del flusso in uscita (tav. 2).

Tavola 1: Le rimesse verso l'estero degli immigrati in Italia

(milioni di euro, variazioni percentuali, punti percentuali)

Tavola 2: Quote dei primi dieci paesi di destinazione delle rimesse dall'Italia

(media di quattro trimestri; quote percentuali)

Analisi e approfondimenti metodologici