Borse di studio Bonaldo Stringher, Giorgio Mortara e Donato Menichella

Go to the english version Cerca nel sito

Annualmente la Banca d'Italia mette a concorso borse di studio intitolate a Bonaldo Stringher, Giorgio Mortara e Donato Menichella destinate a neo-laureati che intendono perfezionare gli studi:

  • nel campo dell'economia politica e della politica economica
  • nel campo delle metodologie matematiche, statistiche ed econometriche, principalmente finalizzate all'analisi delle istituzioni, dei mercati e degli strumenti finanziari e della loro regolamentazione
  • nel campo delle interrelazioni tra crescita economica ed ordinamento giuridico nonché degli impatti della regolamentazione sulle attività economiche.

Per partecipare è necessario possedere una laurea specialistica/magistrale o quadriennale di vecchio ordinamento con un punteggio di 110/110, conseguita presso un'università o un istituto superiore italiani, e la conoscenza di una o più lingue straniere.

Con l'assegnazione di queste borse la Banca si propone di finanziare promettenti neo-laureati che siano interessati a svolgere attività di ricerca nei campi tematici sopra indicati. Per tale ragione, nella valutazione delle candidature viene posta particolare attenzione al merito della tesi di laurea e all'attitudine all'attività di studio e ricerca che essa esprime, nonché al programma degli studi e delle ricerche che i candidati si prefiggono di compiere.

La Banca d'Italia può, inoltre, conferire - ai vincitori e ai particolarmente meritevoli, individuati dalle relative Commissioni - "borse di avviamento alla ricerca" della durata di tre mesi prorogabili fino a sei da fruire all'interno dell'Istituto per la partecipazione a progetti di ricerca.

I soggetti particolarmente meritevoli e i vincitori delle selezioni Stringher, Mortara e Menichella - questi ultimi dopo aver fruito della borsa di studio - sono invitati a partecipare a una selezione per l'assunzione come Esperti - Area Manageriale e Alte professionalità.

A partire da quest'anno, i concorsi saranno indetti nel periodo autunnale e il termine di presentazione delle domande scadrà nel mese di novembre. Le borse di studio verranno assegnate entro il mese di gennaio.

Bonaldo Stringher (Udine 1854 - Roma 1930)

Fu a capo della Banca d'Italia per i primi trent'anni del '900, a cavallo tra l'età giolittiana e il fascismo. Contribuì con autorevolezza a inserire la Banca nel panorama delle istituzioni pubbliche, svolgendo un ruolo centrale nella transizione dell'Italia a moderna economia industriale.

Giorgio Mortara (Mantova 1885 - Rio De Janeiro 1967)

Economista, statistico e demografo, maestro di Paolo Baffi, ebbe un ruolo fondamentale nella fondazione del Servizio Studi della Banca d'Italia, nel 1936. Nel 1938, in seguito alle leggi razziali, emigrò in Brasile dove proseguì la sua carriera scientifica.

Donato Menichella (Biccari 1896 - Roma 1984)

Importante figura ai vertici dell'IRI, fu chiamato alla carica di Direttore Generale dal Governatore Luigi Einaudi; gli succedette nel 1948, in seguito alla sua elezione a Presidente della Repubblica. Guidò la Banca fino al 1960, contribuendo in maniera determinante allo sviluppo post-bellico del Paese.