N. 1277 - L'ultimo miglio: lo sforzo in più dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro

Go to the english version Cerca nel sito

di Matthias S. Hertweck, Vivien Lewis e Stefania Villagiugno 2020

Il lavoro studia la stabilità dell'equilibrio in un modello macroeconomico con frizioni nel mercato del lavoro in cui si introducono due variazioni nella caratterizzazione dei comportamenti individuali. La prima permette ai lavoratori di esercitare uno sforzo (effort) variabile, generando rendimenti di scala crescenti delle ore lavorate. La seconda consente ai disoccupati di esercitare un effort variabile nella ricerca di lavoro.

Il lavoro individua due canali che spiegano la stabilità del modello, che è influenzata negativamente dal "canale salariale" e positivamente dal "canale dei costi di assunzione". In presenza di effort variabile dei lavoratori, il loro prodotto marginale e quindi il salario diviene crescente, aumentando le combinazioni di parametri tali per cui il modello non è stabile. Nella seconda estensione i lavoratori sono più attivi nella ricerca, contenendo l'aumento del salario; pertanto le combinazioni di parametri che generano stabilità aumentano.

Forthcoming in: Journal of Money, Credit and Banking.

Testo della pubblicazione