N. 1148 - Le decisioni di investimento delle imprese europee e i vincoli finanziari

Go to the english version Cerca nel sito

di Andrea Mercatanti, Taneli Mäkinen e Andrea Silvestrini ottobre 2017

Gli effetti dei vincoli finanziari sulle decisioni di investimento delle imprese sono da decenni oggetto di studio, con risultati molto controversi. Il presente lavoro esamina l'influenza dei vincoli finanziari sulle scelte di investimento delle imprese europee, focalizzandosi sul periodo della crisi finanziaria globale.

Lo studio utilizza un dataset panel che raccoglie dati trimestrali di bilancio di oltre 4.100 imprese quotate dell'area dell'euro e del Regno Unito relativi alla spesa per investimenti, alle attività liquide e ai debiti a breve termine. Il periodo analizzato va dal 2006 al 2012 e viene suddiviso in tre fasi:

  1. una fase con condizioni finanziarie relativamente stabili (dal 2006 alla metà del 2008);
  2. la crisi finanziaria globale (che qui viene associata al periodo che va dal terzo trimestre del 2008 al secondo trimestre del 2010);
  3. la crisi del debito sovrano dell'area dell'euro (che va dal terzo trimestre del 2010 al secondo trimestre del 2012).

I risultati indicano che né l'ammontare di liquidità né il livello di indebitamento a breve termine, considerati separatamente, influenzano le scelte di investimento delle imprese. Gli effetti non sono significativi in al-cuno dei tre periodi considerati.

Tuttavia, durante la crisi finanziaria globale, gli investimenti sono negativamente correlati con l'indebitamento a breve termine al netto della liquidità disponibile. Ciò indica che, nelle fasi di forti tensioni finanziarie, in cui può essere più difficile rinnovare il debito che giunge a scadenza, un'impresa che ha un indebitamento a breve termine in eccesso rispetto alla liquidità di cui può disporre può essere costretta a contrarre gli investimenti.

Al contrario, nel periodo successivo della crisi del debito sovrano, in cui gli investimenti delle imprese sono molto bassi e relativamente stabili, quella variabile non risulta più significativa.

Pubblicato nel 2019 in: Journal of International Money and Finance, v. 96, pp. 246-258

Testo della pubblicazione