N. 486 - Le misure non convenzionali della BCE: le ragioni, gli effetti e i rischi

Go to the english version Cerca nel sito

di Stefano Neri e Stefano Siviero marzo 2019

Il lavoro analizza le sfide affrontate dalla Banca centrale europea successivamente allo scoppio della crisi finanziaria globale, offrendo un'ampia rassegna dei numerosi studi condotti da economisti della Banca d'Italia sulle cause che hanno portato l'inflazione su livelli molto bassi nel 2014 e sugli effetti del programma di acquisto di attività della Banca centrale europea sui mercati finanziari e sull'economia reale. Tali studi hanno fornito un contributo importante a supporto della partecipazione della Banca d'Italia alle decisioni di politica monetaria della Banca centrale europea.

Tra il 2008 e il 2014 le misure di politica monetaria hanno preservato il corretto funzionamento del meccanismo di trasmissione e contribuito a sostenere la disponibilità di credito al settore privato. Il programma di acquisto di attività finanziarie private e pubbliche avviato nel 2015 ha efficacemente contrastato il rischio di deflazione, esercitando un impatto significativo sull'attività economica e sui prezzi al consumo dell'area dell'euro.

Pubblicato in 2018 in: Credit and Capital Markets, v. 51, 4, pp. 513-560

Testo della pubblicazione