N. 326 - La riforma del trattamento prudenziale del rischio sovrano

Go to the english version Cerca nel sito

di Michele Lanotte, Giacomo Manzelli, Anna Maria Rinaldi, Marco Taboga, Pietro Tommasino aprile 2016

A seguito della crisi del debito sovrano dell’area dell’euro, da più parti si è criticato il trattamento di favore che le attuali regole prudenziali garantiscono ai titoli pubblici. Nel presente lavoro si valuta la desiderabilità di inasprire tale trattamento, e si giunge alla conclusione che i costi macroeconomici e microeconomici di una riforma potrebbero essere notevoli, i suoi benefici incerti. Inoltre, una eventuale riforma comporterebbe considerevoli difficoltà nella fase applicativa. In particolare, c’è ampio accordo sui gravi difetti dei rating sovrani diffusi dalle agenzie di rating, tuttavia allo stato mancano alternative valide al loro utilizzo; una possibile via potrebbe essere quella di usare indicatori quantitativi di sostenibilità delle finanze pubbliche simili a quelli già diffusi da istituzioni quali l’FMI o la Commissione Europea.

Testo della pubblicazione