SIOPE+ è la nuova infrastruttura che intermedierà il colloquio tra pubbliche amministrazioni e banche tesoriere con l’obiettivo di migliorare la qualità dei dati per il monitoraggio della spesa pubblica e per rilevare i tempi di pagamento delle Pubbliche Amministrazioni nei confronti delle imprese fornitrici. La completa dematerializzazione dei flussi informativi scambiati tra amministrazioni e tesorieri e la standardizzazione del protocollo e delle modalità di colloquio potranno, inoltre, contribuire a innalzare il livello di informatizzazione dei singoli enti e ad accrescere l’efficienza del sistema dei pagamenti pubblici.

L’infrastruttura SIOPE+ è stata sviluppata dalla Banca d’Italia per conto della Ragioneria Generale dello Stato (RGS): sulla base di quanto previsto dall’art. 1, comma 533, della legge 11 dicembre 2016, le Amministrazioni Pubbliche sono tenute a ordinare incassi e pagamenti al proprio tesoriere o cassiere utilizzando esclusivamente ordinativi informatici emessi secondo lo standard definito dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e trasmessi attraverso l’infrastruttura SIOPE+.

SIOPE+ risponde alle seguenti esigenze:

  1. disporre di informazioni di dettaglio sui pagamenti effettuati dalle Pubbliche amministrazioni senza gravare sui soggetti coinvolti nell'iter di spesa e incasso. In questo modo. sarà più agevole avere informazioni sui pagamenti dei crediti commerciali e, su un piano più ampio, monitorare in tempo reale l'andamento dei flussi finanziari pubblici;
  2. uniformare il colloquio ente-tesoriere attraverso l'adozione di uno standard informatico unico (OPI), in sostituzione dell'OIL (Ordinativo Informatico Locale) in modo da migliorare la qualità dei servizi di tesoreria, favorire l'ulteriore integrazione tra sistemi contabili degli enti e procedure di pagamento, e sostenere lo sviluppo di servizi di pagamento digitali.

Dopo aver consultato i rappresentanti di enti e tesorieri, l'AgID ha emanato lo standard OPI (Ordinativo di Pagamento e Incasso), unico a livello nazionale, e continua, d’intesa con Banca d'Italia e RGS, a fornire assistenza a enti e tesorieri per l'interpretazione e l'aggiornamento delle relative regole tecniche.

Le modalità con le quali enti e tesorieri scambiano i flussi di pagamento e informativi previsti dallo standard OPI per il tramite della piattaforma SIOPE+ sono descritte nelle Regole di colloquio tra enti pubblici e tesorieri, definite congiuntamente da RGS, Banca d'Italia e AgID.

La Banca d'Italia, in stretto raccordo con la Ragioneria Generale dello Stato e l’Agenzia per l’Italia Digitale, ha avviato - il 3 luglio 2017 - la sperimentazione dell’infrastruttura che ha coinvolto finora trenta enti e diciassette tesorieri in due fasi (luglio e ottobre). Dall’8 settembre l’infrastruttura è pienamente operativa e ha iniziato a ricevere flussi di pagamento in produzione.

Dal 1° gennaio 2018, aderiranno gradualmente a SIOPE+ tutti gli enti territoriali (Regioni, Province, Città metropolitane, Comuni) e le ASL; successivamente, secondo quanto stabilito da appositi Decreti del Ministero dell’Economia e delle finanze, il sistema verrà esteso a tutte le Amministrazioni Pubbliche.

Aggiornamenti

Normativa di riferimento di SIOPE+

Documenti