Codice etico per il personale della Banca d'Italia

Go to the english version Cerca nel sito

Il Codice etico per il personale, approvato il 26 ottobre 2010 dal Consiglio Superiore, enuncia i principi generali cui i dipendenti si attengono nello svolgimento delle proprie funzioni, in relazione alla natura pubblica dell'Istituto e alla rilevanza degli interessi ad esso affidati.

Le disposizioni del Codice etico sono uno strumento di orientamento dei comportamenti individuali.

Il Codice enuncia principi in materia di indipendenza e imparzialità, conflitto d'interessi, riservatezza, continuazione dei doveri dopo la cessazione del rapporto di impiego.

Nel dicembre 2016 la Banca, anche in linea con i più recenti orientamenti della BCE, ha ritenuto di rafforzare la propria posizione sul tema dell’accettazione di doni e altre utilità, spostando la relativa disciplina dal Codice etico al Regolamento del Personale, che contiene norme giuridiche la cui violazione può essere sanzionata disciplinarmente.

La nuova disciplina è inoltre più vincolante: l’importo massimo dei doni che possono essere accettati si riduce da 200 a 50 euro. Inoltre, è previsto il divieto assoluto di accettare liberalità offerte dalle istituzioni creditizie/finanziarie in occasione di ispezioni e di interventi revisionali.

E’ stata contestualmente abrogata la previsione del Codice etico per evitare incongruenze tra la precedente e la nuova disciplina.

Codice etico