N. 1290 - L'effetto del metodo IRB sulla relazione tra il costo dei prestiti per le imprese quotate e le condizioni dei mercati finanziari

Il lavoro verifica se le banche che utilizzano i modelli di rating interni (IRB) applichino alle imprese quotate tassi di interesse più reattivi alle condizioni dei mercati finanziari di quelli praticati alle imprese non quotate. L'analisi utilizza i tassi di interesse sui prestiti concessi a imprese italiane tra il 2008 e il 2018, confrontando le banche che utilizzano l'approccio IRB con quelle che adottano il metodo standardizzato.

I risultati indicano che le banche IRB applicano alle imprese quotate tassi inferiori a quelli praticati alle imprese non quotate (a parità di altre condizioni); la differenza di costo dei prestiti a favore delle imprese quotate si riduce all'aumentare della volatilità del mercato azionario. Le banche che utilizzano il metodo standardizzato, invece, applicano gli stessi tassi alle due tipologie di imprese, indipendentemente dalla volatilità del mercato.

Testo della pubblicazione