N. 1183 - Perché gli intermediari finanziari cartolarizzano le loro attività?L'evidenza di banche di oltre cento paesi prima della crisi finanziaria

Go to the english version Cerca nel sito

di Fabio Panetta e Alberto Franco Pozzolo luglio 2018

L'uso delle tecniche di cartolarizzazione da parte delle banche è aumentato in misura notevole nel decennio precedente la crisi finanziaria del 2008-09, per poi subire un brusco ridimensionamento. Focalizzandosi sul periodo pre-crisi, il lavoro analizza le caratteristiche degli intermediari che vi hanno fatto maggiormente ricorso, i costi e i benefici che hanno dovuto considerare, l'impatto che ne è derivato sull'offerta di credito e sulla rischiosità.

L'analisi, fondata su un ampio campione di intermediari di oltre 100 paesi del mondo, mostra che le cartolarizzazioni sono state utilizzate principalmente da banche grandi e redditizie, con l'intento di migliorare i coefficienti patrimoniali e di ridurre i costi di finanziamento. Con poche eccezioni, le banche che hanno cartolarizzato le loro attività hanno ridotto i rischi di credito e di liquidità.

Testo della pubblicazione