N. 73 - Finanza islamica e sistemi finanziari convenzionali.Tendenze di mercato, profili di supervisione e implicazioni per le attività di banca centrale

Go to the english version Cerca nel sito

di Giorgio Gomel, Angelo Cicogna, Domenico De Falco, Marco Valerio Della Penna, Lorenzo Di Bona De Sarzana, Angela Di Maria, Patrizia Di Natale, Alessandra Freni, Sergio Masciantonio, Giacomo Oddo e Emilio Vadalà ottobre 2010

Il lavoro analizza la finanza islamica nella prospettiva di una Banca centrale e Autorità di vigilanza, con particolare riguardo al contesto europeo ed italiano. Esso mostra un settore in rapida espansione, con recenti tassi di crescita tra il 10 ed il 15 per cento annuo e un ambito geografico che si estende anche ad alcuni paesi occidentali.

Le prospettive appaiono, tuttavia, legate al superamento di alcune problematiche in tema di standardizzazione dei prodotti, assetti di governance, regole di vigilanza, impiego degli strumenti di politica monetaria, gestione della liquidità. Gli intermediari islamici non risultano necessariamente più rischiosi delle controparti tradizionali, ma presentano una complessità operativa maggiore.

Tra le questioni di rilievo in tema di vigilanza figurano il trattamento dei depositi partecipativi e la tutela della trasparenza. Gli strumenti di politica monetaria sviluppati per ovviare al divieto di interesse presentano limiti di efficienza; lo sviluppo dei mercati monetari è, inoltre, frenato dalla carenza di prodotti "sharī'ah-compliant". Si evidenziano, infine, possibili problematiche connesse alla partecipazione delle banche islamiche ai sistemi di pagamento.

Testo della pubblicazione