Il bilancio della Banca d'Italia - anno 2015

Il 28 aprile 2016 l’Assemblea ordinaria dei partecipanti al capitale della Banca d’Italia ha approvato il bilancio 2015. Il totale dell’attivo è cresciuto di 57 miliardi, attestandosi alla fine del 2015 a circa 588 miliardi, in relazione principalmente all’andamento delle operazioni di politica monetaria.

L’esercizio si è chiuso con un risultato lordo, prima dell’accantonamento al fondo rischi generali e delle imposte, di 6.009 milioni, rimanendo sostanzialmente stabile rispetto allo scorso esercizio (5.957 milioni nel 2014).

In considerazione dell’ampliamento delle dimensioni del bilancio e dei rischi connessi con la progressiva realizzazione, da parte dell’Eurosistema, dei programmi di acquisto per finalità di politica monetaria, il fondo rischi generali è stato alimentato per 2.200 milioni.

Le imposte di competenza dell’esercizio sono risultate pari a 1.012 milioni (1.159 nel 2014).

A valere sull’utile netto di 2.797 milioni (2.998 milioni nel 2014), viene assegnato alla riserva ordinaria un importo di 300 milioni e ai partecipanti un dividendo di 340 milioni.

L’ammontare da riconoscere allo Stato è pertanto pari a 2.157 milioni.

Testo della pubblicazione