Cooperazione tecnica internazionale

Go to the english version Cerca nel sito

Dall'inizio degli anni novanta la Banca d'Italia organizza iniziative di formazione e consulenza a beneficio di istituzioni omologhe dei paesi emergenti, contribuendo al rafforzamento delle capacità istituzionali delle autorità beneficiarie e promuovendo la stabilità finanziaria internazionale.

Le istituzioni beneficiarie appartengono in maggioranza a nuovi Stati membri dell'Unione europea (UE) che non hanno ancora adottato l'euro, paesi candidati e potenziali candidati all'ingresso nella UE, paesi del Mediterraneo, Europa orientale e Caucaso destinatari della cosiddetta politica europea del Vicinato e altre economie emergenti.

Le materie oggetto di cooperazione riguardano le funzioni istituzionali (banca centrale, inclusi sistemi di pagamento e tesoreria, ricerca economica e statistiche, vigilanza, circolazione monetaria) e le attività di supporto (informatica, internal audit, controlli, ecc.).

Le iniziative sono svolte da personale della Banca particolarmente qualificato e con lunga esperienza nelle discipline trattate, offrendo una docenza che combina aspetti teorici e applicativi. Per fornire ai partecipanti una molteplicità di punti di vista, talvolta l'Istituto invita esperti provenienti da altre banche centrali, istituzioni internazionali e autorità italiane.

Le iniziative di cooperazione della Banca d'Italia comprendono:

Seminari e workshop internazionali

La Banca d'Italia organizza regolarmente seminari internazionali e workshop aperti a banche centrali e autorità finanziarie di paesi emergenti. Queste iniziative costituiscono utili occasioni di scambio di conoscenze, idee ed esperienze contribuendo a rafforzare i legami tra paesi.

I temi di queste iniziative sono scelti annualmente sulla base della loro rilevanza e attualità; tengono conto anche dell'interesse da parte delle istituzioni beneficiarie e delle specifiche esigenze emerse nelle sedi di coordinamento internazionale. Mentre i seminari offrono una panoramica generale dei temi trattati, i workshop sono iniziative più brevi, con focus tematico e rivolte a specialisti.

La partecipazione è su invito e non sono previste spese di iscrizione; in alcuni casi è offerto il soggiorno in albergo, mentre le spese di viaggio sono a carico dei beneficiari. Di norma il numero dei partecipanti è limitato (circa 25 per i seminari e 15 per i workshop. La lingua di lavoro è l'inglese).

Maggiori informazioni circa i contenuti delle iniziative recenti e le modalità di partecipazione sono disponibili all'interno della pubblicazione semestrale International Technical Cooperation Newsletter.

I dettagli delle iniziative per il 2017 sono disponibili più in basso in questa stessa pagina, mentre di seguito sono elencate quelle in programma per il 2018 con i link a una breve descrizione.

Roma, 15-16 febbraio 2018
Roma, 1-2 marzo 2018
Roma, 12-13 aprile 2018
Roma, 16-18 maggio 2018
Roma, 20-22 giugno 2018
Roma, 8-9 ottobre 2018
Roma, 12-14 novembre 2018
Roma, 12-14 dicembre 2018
Roma, febbraio 2019 (data da definire)

 

^Torna in alto

Programmi multilaterali di capacity building

La Banca d'Italia partecipa a numerose iniziative multilaterali di capacity building finanziate dalla UE, inclusi i gemellaggi amministrativi e i programmi congiunti dell’Eurosistema; partecipa inoltre ad analoghe iniziative promosse da organismi internazionali (come il Fondo monetario internazionale e la Banca Mondiale).

I gemellaggi amministrativi in ambito UE e i programmi dell'Eurosistema a favore di banche centrali e autorità finanziarie sono indirizzati ai paesi inclusi nelle politiche di cooperazione della UE. Il loro obiettivo è facilitare il processo di adeguamento all'acquis communautaire e l'adozione dei migliori standard europei da parte di questi paesi. Si tratta in genere di interventi di medio e di lungo periodo, svolti prevalentemente presso il paese beneficiario, che prevedono obblighi e responsabilità contrattuali sia per l'istituzione beneficiaria sia per quella che offre formazione e consulenza.

I primi gemellaggi in ambito UE cui l'Istituto ha collaborato sono stati in favore di Bulgaria, Polonia, Romania, Repubblica Ceca e Turchia. Nel gemellaggio con la Banca centrale d'Albania la Banca d'Italia ha assunto il ruolo di project leader. La Banca partecipa regolarmente ai programmi dell'Eurosistema: ha collaborato a quelli in favore delle banche centrali di Egitto e Russia e a quelli in favore delle Banche centrali dei paesi candidati e potenziali candidati all'ingresso nella UE.

^Torna in alto

Iniziative di tipo bilaterale

La Banca d'Italia si attiva per rispondere, per quanto possibile, a specifiche richieste di informazioni o visite di studio provenienti da banche centrali e autorità finanziarie beneficiarie dell'attività di cooperazione tecnica.

^Torna in alto

Nell'organizzare tutte queste iniziative la Banca d'Italia segue le migliori prassi del SEBC, redatte dalla Task Force per la cooperazione tra banche centrali, cui partecipa anche la Banca d'Italia, e pubblicate a dicembre 2017.

Contatti

e-mail: bdi.cooperation@bancaditalia.it

Argomenti Correlati

Newsletter sulla cooperazione tecnica internazionale

Pubblicazione a cadenza semestrale, redatta in lingua inglese, volta a illustrare le attività di cooperazione tecnica svolte dalla Banca d’Italia.