Attuazione della politica monetaria e gestione liquidità e garanzie

Go to the english version Cerca nel sito

La Banca d’Italia concorre a formulare la politica monetaria per l’area dell’euro attraverso la partecipazione del Governatore al Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE).

In virtù dei principi di decentramento operativo e sussidiarietà stabiliti a livello europeo, la Banca d'Italia partecipa all’attuazione della politica monetaria.

Obiettivi e strategia

L’obiettivo primario dell’Eurosistema è il mantenimento della stabilità dei prezzi, come stabilito dal Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) all’articolo 127 (ex articolo 105 del Trattato CE). A tal fine, il Consiglio direttivo della BCE ha precisato che, in un orizzonte di medio termine, si propone di mantenere l’inflazione su livelli inferiori ma prossimi al 2 per cento.

Per conseguire la stabilità dei prezzi, la banca centrale influisce sulle condizioni del mercato monetario e, quindi, sul livello dei tassi di interesse a breve termine.

La regolazione dei tassi di interesse del mercato monetario e la trasmissione degli impulsi di politica monetaria fanno leva sulla necessità di finanziamento del sistema bancario, in parte derivante dalle esigenze di approvvigionamento di banconote per la clientela bancaria e in parte indotta dall’Eurosistema attraverso l’assoggettamento delle istituzioni creditizie alla riserva obbligatoria.

Strumenti

Gli strumenti a disposizione dell’Eurosistema per la conduzione della politica monetaria includono:

  • le operazioni di mercato aperto
  • le operazioni attivabili su iniziativa delle controparti
  • la riserva obbligatoria.

Le operazioni di mercato aperto hanno la funzione di immettere o drenare la liquidità. Vi possono partecipare tutte le istituzioni creditizie residenti nei paesi dell’Eurosistema che sono in possesso dei necessari requisiti. La Banca d’Italia esegue le operazioni di mercato aperto nei confronti delle banche presenti sul territorio nazionale nell’ambito di regole e  procedure comuni concordate all’interno dell’Eurosistema. La Banca d’Italia è inoltre responsabile della gestione delle garanzie che stanno a fronte delle operazioni svolte e individua le attività finanziarie emesse in Italia che possono essere utilizzate come garanzia.

Le operazioni di mercato aperto sono condotte attraverso aste o procedure bilaterali. In base alle finalità possono essere distinte in operazioni:

  • di rifinanziamento principali, operazioni regolari di immissione di liquidità con frequenza e scadenza settimanali
  • di rifinanziamento a più lungo termine, operazioni di immissione di liquidità con durata di tre mesi
  • di regolazione puntuale, senza scadenza prestabilita e con lo scopo di regolare impreviste fluttuazioni della liquidità o dei tassi di interesse; possono essere di rifinanziamento o di deposito
  • di tipo strutturale, con lo scopo di correggere la posizione strutturale di liquidità dell’Eurosistema nei confronti del sistema bancario, ossia l’ammontare di liquidità a lungo termine presente nel mercato.

Le operazioni attivabili su iniziativa delle controparti sono:

  • di rifinanziamento marginale, attraverso la quale l’Eurosistema immette liquidità overnight a fronte di garanzie idonee.
  • di deposito presso la banca centrale, attraverso cui l’Eurosistema assorbe liquidità overnight.

Attraverso tali operazioni le istituzioni creditizie residenti nei paesi dell’Eurosistema che sono in possesso dei necessari requisiti possono depositare/attingere liquidità overnight autonomamente. La Banca d’Italia gestisce tali operazioni nei confronti delle banche presenti sul territorio nazionale.

Con la riserva obbligatoria l’Eurosistema impone alle istituzioni creditizie di mantenere un deposito sui conti aperti presso le Banche Centrali Nazionali (BCN). La remunerazione della riserva obbligatoria è legata al tasso delle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema. La Banca d’Italia accerta l’importo della riserva dovuta da ciascuna istituzione creditizia residente in Italia e applica il regime sanzionatorio previsto dalla BCE in caso di inadempienza dell’obbligo.

Contatti per le controparti delle operazioni di politica monetaria

Banca d’Italia

Dipartimento Mercati e sistemi di pagamento

Servizio Operazioni sui mercati

Via Nazionale, 91 – Roma

  • Per questioni relative alla partecipazione alle operazioni di politica monetaria e alla stipula dei relativi contratti:

Divisione Operazioni di politica monetaria e in cambi

Tel: 06 4792 2525

Mail: BI.FRONT_OFFICE@bancaditalia.it

  •  Per questioni relative alla idoneità della garanzie ed alla loro valutazione e gestione:

Divisione Gestione delle garanzie

Tel: 06 4792 4098

Mail: BI.COLLATERAL@bancaditalia.it

  •  Per questioni relative al regolamento delle operazioni:

Ufficio Contabilità e controllo

Tel: 06 4792 2013

Mail: OBC_CONTABILITA@bancaditalia.it

Strumenti di politica monetaria dell'Eurosistema - Guida per gli operatori

Descrizione dettagliata delle modalità operative seguite dalla Banca d'Italia nell'assolvimento dei propri compiti istituzionali di politica monetaria

Argomenti Correlati

Riserve ufficiali, portafoglio di investimento e gestione dei rischi

La Banca d'Italia detiene e gestisce le riserve nazionali in valuta e oro. Gestisce una quota delle riserve conferite alla BCE all’avvio della terza fase dell’UEM. Il portafoglio finanziario comprende gli investimenti a fronte di fondi e riserve patrimoniali della Banca, inclusi quelli relativi al trattamento di quiescenza del personale. La Banca gestisce inoltre in modo integrato i rischi finanziari e pone in essere forme di valutazione e controllo che distinguono gli investimenti dei mezzi patrimoniali propri da quelli aventi natura istituzionale.