Vigilanza sul sistema bancario e finanziario

Go to the english version Cerca nel sito

La vigilanza: cos'è e cosa fa

La Banca d'Italia svolge compiti di vigilanza bancaria e finanziaria nei confronti degli intermediari bancari e non bancari, che sono iscritti in appositi albi. Dal novembre del 2014 la vigilanza sulle banche è svolta nell'ambito del Meccanismo di vigilanza unico.

La vigilanza è organizzata in un Dipartimento con sede in Roma presso l'Amministrazione centrale dell'Istituto e in una rete di filiali.

L'attività di vigilanza si esplica - oltre che attraverso attività di controllo a distanza e accertamenti in loco, tesi a verificare il rispetto delle condizioni per l'esercizio dell'attività bancaria e finanziaria - anche mediante l'adozione di provvedimenti amministrativi. I provvedimenti più significativi che coinvolgono le banche sono le autorizzazioni, le sanzioni e i provvedimenti relativi alla gestione delle situazioni problematiche.

La vigilanza fornisce una serie di servizi direttamente ai cittadini. In tale ambito, l'Istituto si occupa degli esposti presentati dai cittadini, gestisce le segreterie tecniche dell'Arbitro Bancario Finanziario, sviluppa e promuove l'educazione finanziaria, pubblica informazioni sui soggetti non legittimati allo svolgimento di attività bancaria e finanziaria in Italia e altri avvisi e comunicazioni di interesse generale. La vigilanza svolge inoltre analisi sul sistema bancario e finanziario.

La Banca d'Italia rende conto delle modalità di svolgimento delle funzioni di vigilanza e informa il pubblico sui temi bancari e finanziari più rilevanti attraverso molteplici sedi e canali: rilevano in particolare la Relazione annuale e la Relazione sulla gestione e sulle attività della Banca d'Italia.

I poteri di vigilanza trovano fondamento in un quadro regolamentare costituito da norme internazionali, comunitarie e nazionali.

In evidenza

  • 26 gennaio 2019 - Intervento di Fabio Panetta su "Credito e sviluppo: vincoli e opportunità per l'economia italiana". Fabio Panetta, Vice Direttore Generale della Banca d'Italia, interviene su "Credito e sviluppo: vincoli e opportunità per l'economia italiana" in occasione del convegno nazionale "Credito allo sviluppo.
  • 23 gennaio 2019 - Audizione di Fabio Panetta sul disegno di legge di conversione in legge del D.L. n.1/2019. Audizione davanti alle Commissioni riunite Finanze di Camera e Senato, nell'ambito dell'istruttoria legislativa sul disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge n.1 del 2019, recante misure urgenti a sostegno della Banca Carige Spa - Cassa di risparmio di Genova e Imperia.
  • 19 dicembre 2018 - Note di stabilità finanziaria e vigilanza n. 13 - I tassi di recupero delle sofferenze nel 2017. È pubblicata una nuova Nota di stabilità finanziaria e vigilanza (Nota n. 13). Questa nota aggiorna al 2017 le stime sui tassi di recupero delle sofferenze già pubblicate per gli anni dal 2006 al 2016. I dati, insieme ad alcune disaggregazioni di dettaglio commentate ma non riportate nel testo, vengono resi disponibili in formato elettronico. Inoltre, la nota illustra per la prima volta i risultati dell'indagine sulle cessioni di crediti deteriorati condotta dal 2016 dalla Banca d'Italia, con evidenze in linea con quanto desumibile dalla Centrale dei rischi.
  • 19 novembre 2018 - Riforma organizzativa della Vigilanza bancaria e finanziaria. In data odierna vengono riallocate alcune competenze all'interno del Dipartimento di Vigilanza e della rete delle Filiali con compiti di vigilanza. Conseguentemente vengono pubblicati due Provvedimenti che aggiornano le unità organizzative responsabili dei procedimenti amministrativi e i destinatari delle deleghe di atti e provvedimenti in materia di vigilanza.
  • 2 novembre 2018 - Risultati dello stress test europeo del 2018

Tematiche rilevanti

Crediti deteriorati (Npls)

Crisi bancarie

Argomenti Correlati

Stabilità finanziaria

Il sistema finanziario è una complessa infrastruttura che consente alle famiglie, alle imprese, alle amministrazioni pubbliche e agli altri operatori economici di effettuare pagamenti, trasferire risorse e gestire rischi. Assicurare il buon funzionamento di questa architettura è il compito delle autorità responsabili della stabilità finanziaria.

Risoluzione e gestione delle crisi

In attuazione del quadro europeo sulla gestione delle crisi bancarie, la Banca d’Italia è stata incaricata di svolgere la funzione di Autorità nazionale di risoluzione (NRA). È stata pertanto istituita l’Unità di Risoluzione e gestione delle crisi; essa svolge i compiti istruttori e operativi del Meccanismo di risoluzione unico, collabora con il Single Resolution Board, gestisce le procedure di liquidazione e di risoluzione di banche e intermediari finanziari.

Presentazione di esposti

La presentazione di un esposto alla Banca d’Italia consente al cliente di segnalare comportamenti che ritiene irregolari o scorretti da parte delle banche e degli intermediari finanziari. Per la Banca d'Italia gli esposti rappresentano una fonte di informazioni per l'esercizio della attività di vigilanza. La presentazione di un esposto non avvia un procedimento amministrativo disciplinato dalle legge n. 241 del 1990.