Servizi dell'Archivio Storico

Go to the english version Cerca nel sito

Cos'è

Il servizio permette di consultare:

  • l'archivio dei documenti testuali
  • l'archivio fotografico
  • l'archivio multimediale

Chi può accedervi

Tutte le persone interessate possono consultare gratuitamente i documenti conservati nell'Archivio storico della Banca.

Come e dove

La sala di consultazione è situata a Via Nazionale 191 - 00184, Roma (Villa Hüffer) ed è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.10 alle 16.20. Sono escluse le festività, il 29 giugno, il 14 agosto, il 24 e il 31 dicembre.

Si può accedere al servizio solo per appuntamento:

• contattando uno dei seguenti numeri (06 4792.2456 - 2720 - 3508 - 3509 - 3512 - 5190 - 5716)
• inviando il modulo di prenotazione (scaricabile da questa pagina) per email a

archiviostorico@bancaditalia.it.

La prenotazione sarà perfezionata solo dopo la nostra conferma.

Per la documentazione conservata nelle Sezioni storiche delle Filiali occorre rivolgersi direttamente in loco.

L'orario di consultazione delle Sezioni è stabilito di volta in volta e può variare in relazione alle esigenze di servizio.

La consultazione

Il principale strumento di ricerca è la base dati di consultazione dell’Archivio storico dei documenti testuali, che consente di visualizzare le descrizioni archivistiche e le immagini dei documenti digitalizzati. Contiene a oggi circa 280.000 schede di inventario e circa 22 milioni di immagini.

Tra gli altri strumenti di ricerca si segnalano la Guida all’Archivio storico, la collana Quaderni dell’Archivio storico, gli inventari a stampa delle Carte de’ Stefani e delle Carte Stringher, l’Elenco delle banche vigilate dal 1926 al 1960, la Guida alle carte di Paolo Baffi e l’Indice dei corrispondenti , l’inventario del fondo Banco di Santo Spirito.

Per audiovisivi e fotografie sono disponibili elenchi parziali.

Per la consultazione  l’ASBI applica le norme del Codice dei beni culturali e del paesaggio e del Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici.

I documenti testuali sono consultabili dagli studiosi dopo 40 anni dalla loro data; è prevista la deroga a 30 anni per la documentazione non riservata, su istanza motivata avanzata dal ricercatore. Di norma non sono dati in visione i documenti originali, ma riproduzioni digitali o su microfilm. I documenti non digitalizzati sono messi a disposizione degli studiosi in originale, di solito il giorno successivo alla richiesta.

Servizi di riproduzione

Per i documenti testuali e per le fotografie l’Archivio fornisce un servizio di riproduzione esclusivamente in formato digitale, con un limite di 1.000 copie annue.

È consentita anche la richiesta on line a condizione che lo studioso indichi l’esatta collocazione archivistica dei documenti o fornisca informazioni per la loro precisa identificazione. Non sono accolte richieste che prevedano una selezione da parte del personale d’archivio.

Le tariffe applicate tengono conto del numero di copie cumulate dall’utente nell’arco dell’anno solare, secondo la seguente tabella:

Numero cumulato  di copie richieste nell’arco dell’anno solare

costo cumulato totale nell’arco dell’anno solare

 tra 0 e 500

€                          -  

 tra 501 e 600

 €                   30,00

 tra 601 e 700

 €                   50,00

 tra 701 e 800

 €                   70,00

 tra 801 e 900

 €                   90,00

 tra 901 e 1000

 €                 110,00

Le riproduzioni digitali di foto possono essere ottenute al costo di € 20,00 ciascuna.

Le riproduzioni sono inviate al domicilio indicato dal richiedente dopo il pagamento dell’importo dovuto, che può essere effettuato tramite bonifico bancario.

È possibile richiedere l’emissione di fattura per il pagamento delle copie della documentazione, allegando alla richiesta copia leggibile di un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità (carta d’identità o altro documento equivalente ai sensi della normativa vigente in materia) e codice fiscale o partita iva. Gli studiosi possono richiedere di essere autorizzati a fotografare i documenti testuali non digitalizzati dell’ASBI con apparecchiature di loro proprietà.

Argomenti Correlati

Filiali

La Banca d'Italia opera sul territorio con Filiali insediate nei capoluoghi regionali e in alcuni capoluoghi di provincia.

Archivio storico

L'Archivio storico della Banca d’Italia (ASBI) rappresenta una delle fonti principali per le ricerche sulla storia economica e bancaria italiana degli ultimi due secoli. Conserva documentazione di primaria importanza in materia di politica economica e monetaria nazionale, sull’evoluzione del sistema bancario, sulla storia industriale italiana, sulle economie locali, sui rapporti economici internazionali.