Modelli macroeconomici

Go to the english version Cerca nel sito

Modello econometrico trimestrale

Il modello econometrico trimestrale della Banca d’Italia, sviluppato nella prima metà degli anni ottanta, descrive le interazioni fra i più importanti aggregati macroeconomici dell’economia italiana. È costituito da circa 800 equazioni, di cui quasi 100 stocastiche, con una specificazione articolata dei diversi settori economici, incluso quello pubblico.

I meccanismi che governano l’evoluzione delle principali variabili sono keynesiani nel breve periodo, in cui l’andamento dell’attività economica è determinato soprattutto dall’evoluzione della domanda aggregata e vi sono rigidità nell’aggiustamento dei prezzi e dei salari; nel lungo periodo, come nello schema neoclassico, la crescita economica è il risultato della dinamica dell’accumulazione di capitale, della produttività e degli andamenti demografici.

Il modello trimestrale è utilizzato per gli esercizi di previsione e per le analisi di politica economica.

Modelli dinamici e stocastici di equilibrio economico generale (DSGE)

I modelli dinamici stocastici di equilibrio generale (dynamic stochastic general equilibrium, DSGE) descrivono l’andamento dei principali aggregati macroeconomici come risultato di scelte ottimizzanti di famiglie e imprese, che dipendono anche dalle loro aspettative. Combinando rigorosi fondamenti teorici delle equazioni comportamentali (microfondazioni) con la stima (o calibrazione) dei parametri strutturali, i modelli DSGE consentono di replicare l’andamento delle principali variabili macroeconomiche. Inoltre l’identificazione dei parametri strutturali – che descrivono le preferenze individuali, i vincoli tecnologici e quelli istituzionali – consente di utilizzare i modelli per analisi di politica economica senza incorrere nella Lucas critique.

I modelli DSGE di tipo neo-keynesiano, sviluppati dall’Istituto con riferimento all’Italia e all’area dell’euro, sono utilizzati per la previsione, la costruzione di scenari controfattuali e l'analisi di politica economica.

Modelli per la previsione di breve termine dell'attività economica

La tempestiva individuazione dei punti di svolta nell’andamento delle principali variabili macroeconomiche è cruciale per orientare le decisioni di politica economica. La diffusione di indicatori fondamentali, quali ad esempio la produzione industriale, il PIL e le sue componenti, avviene tuttavia con un certo ritardo rispetto al periodo di riferimento. Seguendo i progressi nella letteratura econometrica, l'Istituto ha pertanto sviluppato diversi modelli di previsione a breve termine basati su approcci metodologici differenti. In particolare i bridge models sono stati successivamente affiancati da altre tipologie di modelli, tra i quali quelli a fattori, bayesiani e MIDAS (Mixed Data Sampling).

Le previsioni a breve termine sono predisposte con l’ausilio di questi strumenti per il complesso dell’area dell’euro e per i maggiori paesi, con particolare riguardo all’Italia.

Riferimenti bibliografici - Modello econometrico trimestrale

Riferimenti bibliografici - Modelli dinamici e stocastici di equilibrio economico generale

Riferimenti bibliografici - Modelli per la previsione di breve termine dell'attività economica