Con la pubblicazione degli "Albi ed elenchi di vigilanza" la Banca d'Italia ottempera agli obblighi informativi nei confronti del pubblico previsti dai Testi Unici in materia di intermediazione bancaria e finanziaria. Tali obblighi discendono dai compiti di supervisione assegnati dalla legge alla Banca d'Italia sulle banche e sugli intermediari finanziari.

Per finalità di servizio pubblico, la pubblicazione comprende informazioni più ampie di quelle strettamente riconducibili agli albi quali:

  • il numero di matricola;
  • la denominazione degli intermediari;
  • le sedi legale e amministrativa;
  • la data di iscrizione e la data di cancellazione.

Sono presenti le attività esercitate dagli intermediari e gli sportelli; inoltre, le informazioni sono organizzate in modo da consentire ricerche di tipo storico e per mezzo di diversificate chiavi di ricerca.

L’esercizio di attività bancaria o finanziaria in mancanza delle autorizzazioni/iscrizioni ai pertinenti albi previste dalla legge è sanzionato penalmente.

Albi ed Elenchi di Vigilanza

Agenti e succursali di Istituti di pagamento e Istituti di moneta elettronica (IMEL)

SOGGETTI NON LEGITTIMATI ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITÀ BANCARIA E FINANZIARIA IN ITALIA

La legge punisce penalmente chi esercita l'attività bancaria o finanziaria senza autorizzazione o iscrizione in appositi albi o elenchi.

L'obiettivo è la tutela della fiducia del pubblico, la prevenzione del compimento di reati patrimoniali e dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio.

La Banca d'Italia segnala all'Autorità Giudiziaria e agli organi inquirenti i casi di sospetta attività abusiva.

SOGGETTI SEGNALATI PER GARANZIE RILASCIATE IN ASSENZA DI ABILITAZIONE

In relazione a comunicazioni pervenute e/o a notizie comunque acquisite si segnala che i soggetti indicati nell'elenco in calce non sono abilitati al rilascio di garanzie nei confronti del pubblico.