N. 414 - Cosa ci dice l'eterogeneità delle aspettative di inflazione delle imprese italiane?

Go to the english version Cerca nel sito

di Laura Bartiloro, Marco Bottone, Alfonso Rosolia dicembre 2017

Il lavoro analizza in che misura la dispersione delle aspettative di inflazione delle imprese riflette la disponibilità di informazioni e la conoscenza degli sviluppi macroeconomici più recenti, le differenze tra imprese e il più ampio andamento economico sulla base dell’Indagine sulle aspettative di inflazione e crescita della Banca d’Italia. Si trova che: in media circa metà della dispersione è dovuta alla mancanza di informazioni sugli sviluppi più recenti dell’inflazione; le imprese incorporano le nuove informazioni in circa un trimestre; la dispersione delle aspettative è legata in misura statisticamente significativa ad alcune variabili economiche ed è maggiore quando l’inflazione corrente è più lontana dall’obiettivo di stabilità dei prezzi della BCE. Dal 2015 il peso attribuito alle attese di bassa inflazione è cresciuto e la relativa incertezza è diminuita; dal 2014 è inoltre venuto meno il collegamento tra la dispersione delle attese e la distanza dall’obiettivo di stabilità dei prezzi. Entrambi i fatti suggeriscono un rischio più elevato di disancoraggio delle aspettative di inflazione.

Testo della pubblicazione