N. 494 - L'evoluzione del framework prudenziale di Secondo Pilastro dopo la crisi finanziaria

Go to the english version Cerca nel sito

di Marco Bevilacqua, Francesco Cannata, Silvia Cardarelli, Raffaele Arturo Cristiano, Simona Gallina e Michele Petronzi aprile 2019

Il Secondo Pilastro è stato introdotto nella regolamentazione bancaria dall'Accordo sul Capitale di Basilea 2 (2004), per incentivare gli intermediari a misurare e gestire adeguatamente i rischi, a complemento dei requisiti patrimoniali minimi (Pillar 1). L'obiettivo del paper è quello di ripercorrere l'evoluzione del Secondo Pilastro - dai principi di Basilea alla loro implementazione nelle principali giurisdizioni - e discutere la misura in cui essa riflette lo spirito originario della riforma.

Gli Autori mostrano come il Secondo Pilastro sia evoluto nel corso del tempo, considerato che i principi di Basilea erano stati definiti prima della crisi finanziaria; negli anni più recenti, esso ha comunque contribuito a rafforzare la solidità del sistema bancario. Alla luce del progressivo miglioramento del quadro economico e del completamento della riforma regolamentare, appare essenziale monitorare con attenzione, e possibilmente risolvere, i temi rimasti aperti, affinché il Secondo Pilastro mantenga le sue caratteristiche fondamentali.