N. 1196 - La composizione per scadenze del debito sovrano e i suoi costi

Recenti contributi empirici mostrano che le economie emergenti tendono a emettere prevalentemente debito a breve scadenza, anche se questo le espone maggiormente a crisi di liquidità. Il presente lavoro propone un modello teorico per spiegare sotto quali condizioni tale scelta di emissione può essere ottimale per il paese e i suoi creditori internazionali. Si studia poi se strumenti di gestione delle crisi di debito sovrano sono in grado di modificare la scelta ottimale del profilo del debito.

Il contratto ottimale tra il paese e i suoi creditori impone un limite all'ammontare di debito di lungo periodo, che deriva dall'impossibilità per il paese di impegnarsi ex-ante a non diluirlo. Ogni modifica del contratto che includa la possibilità di ristrutturazione del debito e/o l'intervento di una istituzione internazionale ha un impatto sul costo del debito emesso; tali strumenti di gestione delle crisi non riescono però ad allentare il vincolo all'emissione di debito a lunga scadenza.

Testo della pubblicazione