N. 990 - Quanto del rischio di credito bancario è rischio sovrano? Evidenza dalla zona euro (solo in inglese)

Go to the english version Cerca nel sito

di Junye Li e Gabriele Zinna ottobre 2014

Il lavoro utilizza i premi sui CDS sovrani e bancari di Germania, Francia, Italia e Spagna per trarre indicazioni, con l’ausilio di un modello multivariato del rischio di credito in forma ridotta, sul contributo derivante dal rischio di credito sovrano; si distingue tra fattori di rischio sistemici, che coinvolgono l’intera area dell’euro, e fattori nazionali (o rischio paese). Il periodo analizzato va dal 2008 al 2013.

Il modello fornisce una valutazione, desunta dai prezzi delle attività finanziare, della dipendenza del rischio di credito bancario complessivo dal rischio sovrano; questa riflette il complesso dei legami delle banche con il sovrano nazionale, siano essi di tipo diretto (via titoli di Stato in portafoglio e altre tipologie di crediti verso il settore pubblico) siano essi di tipo indiretto (via garanzie pubbliche, ratings, collaterale, condizioni macroeconomiche o business model rischiosi).

Le stime suggeriscono che nel periodo in esame il rischio sistemico dell’area dell’euro è variato sensibilmente. I movimenti al rialzo sono stati bruschi; le riduzioni più significative hanno fatto seguito a importanti misure di politica economica (ad esempio, il programma TALF negli Stati Uniti, il varo dell’EFSF e dell’ESM nell’Unione europea, le operazioni LTRO della BCE e manovre fiscali in Grecia, Spagna e Italia). Il rischio sistemico è ridisceso stabilmente su valori minimi in seguito al discorso del Presidente della BCE del 26 luglio 2012 a Londra, di lì a poco seguito dall’annuncio delle operazioni OMT.

La componente sistemica del rischio sovrano spiegherebbe in media circa il 30, 21, 16 e 12 per cento dei movimenti dei premi sui CDS delle banche francesi, spagnole, tedesche e italiane rispettivamente; se si include anche il rischio paese, tali percentuali aumenterebbero al 45 per cento per le banche francesi e spagnole e al 23 e 30 per cento per le tedesche e italiane.

Le stime mostrano anche un’elevata eterogeneità tra le singole banche della frazione dei premi sui CDS dovuta al rischio sovrano: questa aumenta al crescere della dimensione della banca e dell’ammontare di titoli di Stato detenuti in portafoglio; è maggiore per le banche che beneficiano di una maggiore garanzia pubblica attesa (misurata dallo scarto tra i ratings all-in-all e stand-alone di Moody’s).

Testo della pubblicazione