N. 306 - Le banche significative dell'area dell'euro: principali differenze e performance recente

Go to the english version Cerca nel sito

di Emilia Bonaccorsi di Patti, Roberto Felici e Federico Maria Signoretti gennaio 2016

Basandosi su dati pubblici, il lavoro propone una semplice tassonomia delle banche sottoposte a vigilanza diretta da parte della Banca Centrale Europea classificandole sulla base del tipo di attività prevalente, della dimensione e del grado di internalizzazione. Vengono confrontate le strutture dello stato patrimoniale e del conto economico di otto differenti categorie di banche e viene analizzata la loro redditività tra il 2006 e il 2013.

La maggioranza delle banche è orientata ai prestiti, al mercato nazionale ed è esposta in prevalenza nei confronti di società non finanziarie e clientela al dettaglio. La quota di attivo ponderato per il rischio rispetto al totale dell’attivo differisce in modo significativo tra le diverse categorie di banche, anche controllando per la composizione delle esposizioni; tale eterogeneità riflette principalmente fattori di rischio del paese di residenza e il grado di utilizzo dei modelli interni per il calcolo dei requisiti di capitale all’interno di ciascuna categoria.

Dal 2010, la redditività delle banche orientate ai prestiti è calata di più rispetto quella delle altre banche, sia per le condizioni macroeconomiche peggiori dei loro paesi di residenza sia per la più elevata sensibilità del loro ROA rispetto alla crescita del PIL.