Quesiti specifici sui questionari

Go to the english version Cerca nel sito

Q10 - Quale tipologia di lavoratori deve essere indicata nella variabile Numero occupati? (TUTTE LE RILEVAZIONI)

Il numero di occupati comprende i lavoratori dipendenti con contratto di lavoro subordinato e include i lavoratori a tempo parziale, stagionale e con contratto a termine, i dipendenti in Cassa Integrazione Guadagni e i soci/proprietari dell'azienda (solo se vi lavorano), non devono essere conteggiati i collaboratori a progetto. I lavoratori con contratto di somministrazione di lavoro, stipulato in forma scritta, sono considerati dipendenti del somministratore, in assenza di tale formalizzazione i lavoratori sono considerati a tutti gli effetti alle dipendenze dell'utilizzatore. Il numero di occupati è calcolato alla data di chiusura dell'ultimo bilancio di esercizio.

Q20 - Come compilare le "Informazioni sulla capogruppo"? (TUTTE LE RILEVAZIONI)

Nel caso in cui una impresa capogruppo è controllata da una persona fisica residente in un paese diverso da quello in cui è ubicata l’impresa, i campi V01092 "Denominazione della capogruppo" e V01109 "Paese della capogruppo" devono riferirsi sempre alla società capogruppo. Invece il campo V01087 "Codice fiscale della capogruppo" deve essere compilato come descritto di seguito:

  • se la società capogruppo è residente e la persona fisica che la controlla è residente, il codice fiscale della società capogruppo;
  • se la società capogruppo è residente e la persona fisica che la controlla è non residente, il codice fiscale 0000099999999777;
  • se la società capogruppo è non residente e la persona fisica che la controlla è residente, il codice fiscale 0000099999999888;
  • se la società capogruppo è non residente e la persona fisica che la controlla è non residente, il codice fiscale 0000099999999777.

Q30 - Cosa fare se nel periodo di riferimento non ci sono fenomeni da segnalare? (TUTTE LE RILEVAZIONI)

Occorre inviare la segnalazione nulla, per tutte le rilevazioni ad eccezione del questionario EMF, che è dovuto soltanto se nel mese di riferimento sono avvenute operazioni del tipo previsto.

Q40 - Cosa deve essere segnalato nel questionario TTN?

Nel questionario TTN vanno segnalati i costi per importazioni e/o i ricavi per esportazioni realizzati nel trimestre di riferimento relativamente a servizi, attività intangibili, trasferimenti unilaterali, salari e stipendi. Sul sito, tra gli schemi di ausilio a corredo delle istruzioni, è disponibile l'elenco Casistica TTN contenente esempi di transazioni con le relative causali da utilizzare per la segnalazione.

Q50 - Come deve essere segnalato il salario/stipendio di un dipendente residente all'estero? (TTN)

Secondo gli standard internazionali,  il salario/stipendio di un dipendente residente all'estero deve essere segnalato come somma di:

  • retribuzioni lorde, comprensive di contributi ed imposte a carico del lavoratore;
  • contributi a carico del datore di lavoro.

Q60 - Come segnalare gli interessi su conti e depositi bancari nel questionario TTN?

Gli interessi su depositi non devono essere segnalati nel questionario TTN.

Q70 - Cosa fare nel caso in cui la chiusura del bilancio non coincida con l’anno solare? (CAF)

Per ragioni di comparabilità i dati devono sempre essere riferiti all'ultimo giorno dell'anno solare, anche se non esiste uno stato patrimoniale riferito a quella data. Si accetta quindi che i dati inseriti nel questionario siano dati stimati, non pienamente coerenti con i dati registrati nel bilancio in termini di ammontare e criteri di calcolo adottati.

Costituiscono un'eccezione alla suddetta regola di riferimento temporale i "dati morfologici e di bilancio del segnalante" della sezione B e i dati relativi alle "altre informazioni" presenti nella sottosezione D1. In questi casi i dati segnalati devono essere tratti dall'ultimo bilancio disponibile e sono quindi riferiti alla data di chiusura di questo.

Q80 - Come trattare le "stabili organizzazioni" create all’estero dalla società segnalante? (EMF, OMF, CAF)

Le "stabili organizzazioni", quando redigono un insieme completo di documenti contabili distinguibile da quello della casa madre che le ha costituite, vanno considerate residenti all'estero e devono pertanto essere trattate come "Società partecipate direttamente all'estero con una quota superiore al 10%”.

Q90 - Cos’è l’identificativo della controparte? (EMF, OMF, CAF)

All'interno del PSDR, i legami di partecipazione con controparti estere sono censiti nella "Rubrica partecipazioni", accessibile dal menù Gestione Dati, attribuendo a ciascuno di loro un identificativo (una stringa di caratteri scelti a piacere dal segnalante). L'identificativo individuerà univocamente, nell'ambito di tutte le segnalazioni del Direct reporting, una specifica controparte estera nei confronti della quale esistono legami partecipativi e permetterà di richiamare, attraverso le liste di scelta presenti nei questionari, i suoi dati censiti in Rubrica, senza doverli compilare nuovamente.

Q100 - Cosa sono le partecipazioni dirette alla fine e non alla fine della catena partecipativa? (EMF, OMF, CAF)

Una partecipazione diretta si considera alla fine della catena partecipativa quando il segnalante non detiene, per il tramite della società estera partecipata, altre partecipazioni dirette in società estere. Viceversa, la partecipazione non è alla fine della catena partecipativa quando la partecipata diretta detiene a sua volta altre partecipazioni dirette in società estere.

Q110 - Come va compilata la “Rubrica partecipazioni” quando il socio estero è una persona fisica? (EMF, OMF, CAF)

Nella denominazione del socio estero (V01095) va indicata la generica descrizione "persona fisica" senza nome e cognome del socio estero. Nel paese del socio estero (V01113) va indicato il codice del paese di residenza della persona fisica. Per il ramo di attività economica del socio estero (V01084) va indicato, convenzionalmente, il valore 74909 (Altre attività professionali, scientifiche e tecniche). In alternativa può essere indicato il ramo di attività economica del segnalante.

L'identificativo del socio estero (V01100) va compilato con una stringa di caratteri scelta a piacere dal segnalante che identifichi in via univoca il socio nell'ambito delle segnalazioni del Direct Reporting. Nella variabile V01179 "Special Purpose Entity" indicare il codice "2-no".

Q120 - Come compilare le “Altre Informazioni” nella sezione D1? (CAF)

Nella sezione D1 i dati di bilancio della società estera partecipata devono essere riferiti al totale e non alla quota di pertinenza del segnalante.

Q130 - Le partecipazioni inferiori al 10% devono essere segnalate? (OMF, CAF)

Sì.

In caso di partecipazioni in società estere, compilare:

  • la sottosezione F1, per partecipazioni in società con legami di appartenenza al gruppo;
  • la sottosezione D2, per  partecipazioni in SpA con codice ISIN, senza legami di appartenenza al gruppo;
  • la sottosezione F3, per partecipazioni in SpA senza codice ISIN oppure in società diverse dalla SpA, senza legami di appartenenza al gruppo.

In caso di partecipazioni da parte di società estere, compilare:

  • la sottosezione F2, per partecipazioni da parte di società con legami di appartenenza al gruppo;
  • la sottosezione F3, per partecipazioni da parte di società senza legami di appartenenza al gruppo, solo se il segnalante è una SpA senza codice ISIN oppure non è una SpA.

Per ulteriori informazioni sulla segnalazione delle partecipazioni si raccomanda di consultare il documento "Schema per la segnalazione delle partecipazioni", disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni.

Q140 - Cosa si intende per partecipazione indiretta?

Si tratta di partecipazioni detenute solo per il tramite di altre società

Q150 - Come devono essere segnalate le partecipazioni indirette attive superiori o uguali al 10%? (CAF)

Le partecipazioni indirette non devono, in nessun caso, essere segnalate nella sottosezione D1.

Nel caso di partecipazione indiretta "di controllo" (cioè superiore al 50% lungo tutto la "catena" di partecipazioni), tutte le eventuali attività e passività verso tale controparte dovranno essere inserite nelle sottosezioni D3, E2, F1 e F2. Ciascuna controllata indiretta dovrà essere opportunamente identificata compilando l'Anagrafica dei legami di partecipazione e di appartenenza al gruppo. In particolare, nel caso di partecipazioni indirette attive, per la variabile "Legame tra società segnalante e società estera" (V00995) dovrà essere indicato:

  • il valore 108 se si tratta di controllata indiretta non alla fine della catena partecipativa;
  • il valore 109 se si tratta di controllata indiretta alla fine della catena partecipativa.

Per ulteriori informazioni sul trattamento dei legami di partecipazione si raccomanda di consultare il documento Schema di classificazione delle controparti e relative segnalazioni, disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni.

Q160 - Come devono essere segnalate le partecipazioni indirette passive superiori o uguali al 10%? (CAF)

Le  partecipazioni indirette passive  non devono, in nessun caso, essere segnalate nella sottosezione E1.

Nel caso di partecipazione indiretta "di controllo" (cioè superiore al 50% lungo tutto la "catena" di partecipazioni), tutte le eventuali attività e passività verso tale controparte dovranno essere inserite nelle sottosezioni D3, E2, F1 e F2. Ciascuna controllante indiretta dovrà essere opportunamente identificata compilando l'Anagrafica dei legami di partecipazione e di appartenenza al gruppo. In particolare, nel caso di partecipazioni indirette passive, per la variabile "Legame tra società segnalante e società estera" (V00995) dovrà essere indicato il valore 101 (controllo indiretto passivo).

Per ulteriori informazioni sul trattamento dei legami di partecipazione si raccomanda di consultare il documento Schema di classificazione delle controparti e relative segnalazioni, disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni.

Q170 - Cosa si intende per dividendi ordinari e straordinari? (EMF)

Per dividendi ordinari si intendono quelli derivanti dalla distribuzione degli utili conseguiti nella gestione ordinaria dell'azienda; per dividendi straordinari quelli derivanti dalla distribuzione di altre riserve di utili (ad esempio accantonamenti, dismissioni di rami d'azienda, plusvalenze da realizzo ecc.) riconducibile a precise strategie societarie.

Q180 - Come vanno segnalati i dividendi riferiti a partecipazioni uguali o superiori al 10%? (CAF, EMF, OMF)

I dividendi relativi a partecipazioni maggiori o uguali al 10% devono essere segnalati nel questionario EMF riferito sia al mese in cui vengono deliberati sia al mese in cui avviene il regolamento

Nel caso di delibera e  regolamento contestuali, entrambe le operazioni andranno registrate nello stesso questionario.

Invece, nel caso in cui il mese della delibera e quello dell'incasso non coincidano, il credito che il socio vanta nei confronti della società partecipata, che nasce nel momento della delibera del dividendo e si estingue con il suo pagamento, deve essere segnalato anche come consistenza nel questionario OMF per tutti i mesi in cui tale consistenza è in essere (nella sottosezione D3 in caso di dividendi da partecipazioni attive, ovvero nella sottosezione E2 in caso di dividendi in favore di soci esteri). Inoltre, se in questo periodo è compreso il mese di dicembre, la consistenza deve essere segnalata anche nel questionario CAF (sottosezioni D3 o E2).

Q190 - Come vanno segnalati i dividendi riferiti a partecipazioni inferiori al 10% in società del gruppo? (CAF, OMF)

I dividenti relativi a partecipazioni inferiori al 10% devono essere segnalati nel questionario OMF riferito al mese in cui vengono deliberati.

Nel caso in cui la delibera e il regolamento avvengano nello stesso mese di riferimento deve essere effettuata la segnalazione per la sola delibera nella sezione F1/F2.

Nel caso in cui il mese della delibera e quello dell'incasso non coincidano, il credito che il socio vanta nei confronti della società partecipata, che nasce nel momento della delibera del dividendo e si estingue con il suo pagamento, deve essere segnalato come consistenza nel questionario OMF per tutti i mesi in cui tale consistenza è in essere (nella sottosezione D3 in caso di dividendi da partecipazioni attive, ovvero nella sottosezione E2 in caso di dividendi in favore di soci esteri). Inoltre, se in questo periodo è compreso il mese di dicembre, la consistenza deve essere segnalata anche nel questionario CAF (sottosezioni D3 o E2).

Q200 - Come vanno segnalati i dividendi riferiti ad azioni senza diritto di voto emesse da società del gruppo? (CAF, OMF)

Questa tipologia di dividendi deve essere segnalata nel questionario OMF riferito al mese in cui vengono deliberati.

Nel caso in cui la delibera e il regolamento avvengano nello stesso mese di riferimento deve essere effettuata la segnalazione per la sola delibera nella sezione F1/F2.

Nel caso in cui il mese della delibera e quello dell'incasso non coincidano, il credito che il socio vanta nei confronti della società partecipata, che nasce nel momento della delibera del dividendo e si estingue con il suo pagamento, deve essere segnalato come consistenza nel questionario OMF per tutti i mesi in cui tale consistenza è in essere (nella sottosezione D3 in caso di dividendi da partecipazioni attive, ovvero nella sottosezione E2 in caso di dividendi in favore di soci esteri). Inoltre, se in questo periodo è compreso il mese di dicembre, la consistenza deve essere segnalata anche nel questionario CAF (sottosezioni D3 o E2).

Q210 - Come vanno segnalati i dividendi riferiti a partecipazioni inferiori al 10% in società non del gruppo? (CAF, OMF)

I dividendi riferiti a società senza codice ISIN e non appartenenti allo stesso gruppo di imprese del segnalante devono essere trasmessi con il questionario OMF riferito al mese in cui vengono deliberati.

Nel caso in cui la delibera e il regolamento avvengano nello stesso mese di riferimento deve essere effettuata la segnalazione per la sola delibera nella sezione F3.

Nel caso in cui il mese della delibera e quello dell'incasso non coincidano, il credito che il socio vanta nei confronti della società partecipata, che nasce nel momento della delibera del dividendo e si estingue con il suo pagamento, deve essere segnalato come consistenza nel questionario OMF per tutti i mesi in cui tale consistenza è in essere (nella sottosezione D3 in caso di dividendi da partecipazioni attive, ovvero nella sottosezione E2 in caso di dividendi in favore di soci esteri). Inoltre, se in questo periodo è compreso il mese di dicembre, la consistenza deve essere segnalata anche nel questionario CAF (sottosezioni D3 o E2).

Q220 - Le transazioni/posizioni verso controparti, appartenenti allo stesso gruppo del segnalante, devono essere segnalate? (CAF, OMF)

Si, tutte le transazioni/posizioni con controparti estere, appartenenti allo stesso gruppo del segnalante, con le quali non esiste alcun rapporto di partecipazione (attivo e/o passivo) diretto o indiretto devono essere segnalate nelle sezioni D3, E2, F1 e F2. Ciascuna di queste controparti dovrà essere opportunamente identificata compilando l'Anagrafica dei legami di partecipazione e di appartenenza al gruppo indicando, per la variabile "Legame tra società segnalante e società estera" (V00995), il valore 103 (stesso gruppo senza partecipazione diretta o indiretta).

Per ulteriori informazioni sul trattamento dei legami di partecipazione si raccomanda di consultare il documento Schema di classificazione delle controparti e relative segnalazioni, disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni .

Q230 - I titoli inseriti nella sottosezione F1 devono essere segnalati anche nella sottosezione D2? (CAF)

No, nella sottosezione D2 devono essere inseriti i titoli in portafoglio emessi da controparti con le quali non intercorra nessun legame di partecipazione, mentre nella sottosezione F1 devono essere inseriti i titoli in portafoglio emessi da controparti con le quali sussiste un legame di partecipazione diretta, controllo indiretto o appartenenza allo stesso gruppo.

Ogni titolo nel portafoglio del segnalante può appartenere quindi solo ad una delle due tipologie e di conseguenza essere segnalato in una sola delle due sottosezioni. Per ulteriori chiarimenti si veda il documento Schema di classificazione delle controparti e relative segnalazioni, disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni.

Q240 - I titoli di capitale detenuti dal segnalante inseriti nelle sottosezione F3 devono essere segnalati anche nella sottosezione D2? (CAF)

No. I titoli di capitale detenuti dal segnalante, rappresentanti una quota inferiore al 10% del capitale di soggetti esteri senza legami di partecipazione con il segnalante, devono essere segnalati una volta sola: nella sottosezione D2 se dotati di codice ISIN, nella sottosezione F3 in caso contrario.

Q250 - In quali casi è obbligatoria l’indicazione del codice ISIN nella segnalazione dei titoli ? (EMF, OMF, CAF)

Il codice ISIN deve essere obbligatoriamente indicato in alcune segnalazioni presenti nelle sottosezioni:

  1. D1, E1 del questionario EMF;
  2. F1, F2 del questionario OMF;
  3. D1, D2, E1, F1, F2 del questionario CAF.

Nella sottosezione D1 è obbligatoria l'indicazione del codice ISIN per le azioni ordinarie delle società non residenti quotate in borsa e per tutte le azioni non quotate che ne sono provviste.

Nella sottosezione D2 è obbligatoria l'indicazione dei soli titoli di debito e di capitale che sono provvisti di codice ISIN.

Nella sottosezione E1 è obbligatoria l'indicazione del codice ISIN per le azioni ordinarie della società segnalante, quando la stessa è una società per azioni e l'investitore diretto estero detiene meno del 100% delle sue azioni ordinarie.

Q260 - Su quali basi giuridiche è richiesta l’indicazione del codice ISIN? (CAF)

La BCE ha promulgato gli indirizzi 2004/15 del 16/7/2004 e 2007/3 del 31 maggio 2007 relativi agli obblighi di segnalazione statistica per la bilancia dei pagamenti e per la posizione patrimoniale verso l'estero. In tali indirizzi si richiede la raccolta delle informazioni sui titoli security by security attraverso la codifica ISIN e il relativo censimento nell'Anagrafe centralizzata dei titoli gestita dalla stessa BCE, con il contributo delle singole Banche Centrali Nazionali. Inoltre, ai sensi dell'art. 11 comma 1 del decreto legislativo 19 novembre 2008 n. 195 (G.U. n. 291 del 13.12.2008), "per finalità statistiche riguardanti la compilazione della bilancia dei pagamenti e degli altri indicatori monetari e finanziari per l'analisi economica, gli operatori residenti in Italia, come definiti dal regolamento (CE) n. 2533/1998 del Consiglio, del 23 novembre 1998, sono tenuti a fornire i dati e le notizie necessari nei termini e con le modalità per la trasmissione stabiliti dalla Banca d'Italia con proprio provvedimento".

Q270 - Come si accede all’Anagrafe dei titoli contenuta nel PSDR? (EMF, OMF, CAF)

All'Anagrafe dei titoli si può accedere:

  • dal menu Gestione Dati (per individuare i titoli di interesse sarà necessario impostare una query di ricerca);
  • dalla maschera di inserimento della segnalazione, cliccando sulla lente di ingrandimento posta accanto alla variabile V00032 Codice ISIN (se si sta compilando la sottosezione E1 verranno evidenziati direttamente i codici ISIN di tutti i titoli emessi dalla società segnalante).

Q280 - Come si richiede il censimento di un codice ISIN di un titolo emesso da un soggetto non residente? (EMF, OMF, CAF)

Nel caso in cui il segnalante conosca il codice ISIN ma questo non sia censito nell'Anagrafe dei Titoli contenuta nel PSDR, per richiedere l'inserimento occorre inviare una e-mail all'indirizzo codifica.estero@bancaditalia.it, allegando un file "excel" contenente due colonne in cui indicare rispettivamente i codici ISIN e le descrizioni dei titoli da censire.

Nel caso in cui il codice ISIN non sia noto al segnalante, per richiedere l'inserimento occorre inviare una e-mail all'indirizzo codifica.estero@bancaditalia.it, allegando la documentazione attestante l'esistenza dei titoli e le loro caratteristiche (statuto della società e atto costitutivo se azioni, regolamento se titoli di debito o fondi). In questo caso sarà necessario attendere la codifica del titolo per poter effettuare la segnalazione.

Q290 - Negli importi relativi ai prestiti concessi o ricevuti deve essere inclusa la quota interessi? (OMF, CAF)

Si, gli importi relativi ai prestiti concessi o ricevuti devono considerare anche la quota interessi. Ciò vale sia per il valore della consistenza (variabile V01079), nelle sottosezioni D3 ed E2 del CAF, sia per il valore complessivo dell'operazione (variabile V01054) nelle sottosezioni D3 ed E2 dell'OMF. Relativamente all'OMF la quota interessi deve essere autonomamente indicata nella variabile "di cui interessi" (V01180).
Il valore della consistenza o l'importo dell'operazione devono essere segnalati anche se riferiti esclusivamente a quote interessi, cioè quando la componente relativa a quota capitale da segnalare è zero nel periodo di riferimento.
Schemi esaustivi ed esempi sono contenuti nel documento "Schema (con esempi) per la segnalazione dei flussi di prestito", disponibile sul sito tra gli Schemi di ausilio a corredo delle istruzioni.

Q300 - Che cosa sono i prestiti sindacati? (OMF, CAF)

I prestiti sindacati (o anche prestiti in pool) sono dei prestiti organizzati e garantiti da un consorzio di banche e altre istituzioni finanziarie. Si tratta di prestiti di dimensione rilevante che vengono ripartiti su una pluralità di finanziatori, residenti e non, ognuno dei quali si assume una parte del rischio di credito.

L'operazione in genere è gestita da un intermediario coordinatore, detto anche lead manager, che costruisce la struttura del prestito, coinvolge gli intermediari finanziatori, cura ogni rapporto tra le parti, effettua le funzioni di banca agente. Tutte queste funzioni possono essere svolte anche da altri intermediari delegati dal lead manager.

Q310 - Che cosa deve essere segnalato nel Direct reporting per i prestiti sindacati? (OMF, CAF)

Il segnalante che ha ricevuto un prestito sindacato deve segnalare nel Direct reporting, secondo il profilo di segnalazione assegnato:

  • nella rilevazione OMF, i flussi riguardanti l'erogazione del prestito o il rimborso di quote capitali e interessi aventi come controparti i soli intermediari non residenti partecipanti al pool;
  • nella rilevazione CAF, le consistenze alla data di riferimento del prestito nei confronti dei soli intermediari non residenti partecipanti al pool.

Qualora il segnalante non conosca la esatta composizione del pool e quindi abbia difficoltà a distinguere i suoi reali finanziatori, potrà reperire le informazioni necessarie per la compilazione delle rilevazioni presso la banca coordinatrice del prestito o la banca agente.

Q320 - Cosa si intende per crediti e debiti commerciali? (OMF, CAF)

Crediti e debiti commerciali si originano quando, a fronte di un'importazione o di un'esportazione di merci e/o servizi, il pagamento e/o l'incasso non avvengono contestualmente ma, anche solo parzialmente, in modo anticipato o posticipato rispetto alla data di fatturazione della transazione in merci o in servizi.

In particolare, un credito commerciale sorge a fronte di un pagamento anticipato per importazione o di un incasso posticipato per esportazione; viceversa, si verifica un debito commerciale a fronte di un pagamento posticipato per importazione o di un incasso anticipato per esportazione.

Q330 - Cosa si intende per durata originaria di crediti e debiti commerciali? (OMF, CAF)

La durata originaria del credito/debito commerciale è determinata, nel caso di regolamenti (incassi o pagamenti) posticipati, dalla differenza tra la data in cui si è originato (in cui cioè è avvenuta la fatturazione della transazione in merci o in servizi), e la data di regolamento prevista ad estinzione del credito/debito commerciale; nel caso di regolamenti (incassi o pagamenti) anticipati, dalla differenza tra la data in cui si è originato (in cui cioè è avvenuto tale regolamento anticipato) e la data di fatturazione della transazione in merci o in servizi ad estinzione del credito/debito commerciale.

Q340 - Quali crediti/debiti commerciali devono essere segnalati? (OMF, CAF)?

Devono essere segnalati tutti i crediti e debiti commerciali anche quelli a fronte di importazioni ed esportazioni di qualsiasi tipo di servizio.

Q350 - Con quale criterio temporale devono essere segnalati i crediti e i debiti commerciali (OMF, CAF)?

In tutte le rilevazioni nelle quali è prevista la segnalazione di crediti e debiti commerciali devono essere segnalate le consistenze in essere alla fine del periodo di riferimento (ultimo giorno del mese o dell'anno), indipendentemente da quando sono state effettuate le operazioni cui si riferiscono.

Q360 - Cosa deve essere segnalato tra i crediti commerciali e cosa tra i debiti (OMF, CAF)?

Tra i crediti commerciali devono essere segnalate le consistenze dei crediti in essere alla fine del periodo di riferimento:

  • nei confronti di clienti per incassi posticipati per esportazioni già effettuate;
  • nei confronti dei fornitori, per pagamenti anticipati per importazioni non ancora ricevute.

Tra i debiti commerciali devono essere segnalate le consistenze dei debiti in essere alla fine del periodo di riferimento:

  • nei confronti di fornitori, per pagamenti posticipati per importazioni già ricevute;
  • nei confronti di clienti per incassi anticipati per esportazioni non ancora effettuate.

Q370 - Quali controparti sono rilevanti per la segnalazione dei crediti e debiti commerciali (CAF, OMF)?

Devono essere segnalati tutti i crediti e debiti nei confronti di qualsiasi controparte. Qualora con la controparte sussista un legame di partecipazione diretta, indiretta o di appartenenza allo stesso gruppo, tale controparte deve essere opportunamente identificata nell'Anagrafica dei legami di partecipazione o di appartenenza al gruppo.

Q380 - I depositi cauzionali devono essere segnalati? (CAF, OMF)

Si, i depositi cauzionali versati a (ricevuti da) una controparte estera a garanzia di un contratto o di una operazione, devono essere segnalati. I depositi cauzionali versati devono essere segnalati tra i "conti e depositi" della sottosezione D3, utilizzando il codice segnalazione appropriato (in funzione del tipo di controparte e del tipo di legame). Fanno eccezione i depositi costituiti presso una clearing house a garanzia di operazioni su derivati, che vanno segnalati come margini iniziali nella sezione G. I depositi cauzionali ricevuti vanno segnalati utilizzando il codice segnalazione delle "altre passività" nella sottosezione E2.

Q390 - Come deve essere effettuata la segnalazione nel caso di conti e depositi con saldo negativo? (CAF, OMF)

Nella segnalazione dei conti e depositi (sia quelli detenuti dal segnalante presso controparti estere, sia quelli detenuti presso il segnalante da controparti estere) è necessario tenere distinti i conti e depositi che alla fine del periodo di riferimento presentano un saldo positivo da quelli che presentano un saldo negativo. A tal fine, per ogni tipologia di conto sono previsti due distinti codici segnalazione: l'uno da utilizzare nei periodi in cui il conto presenta saldo positivo e l'altro da utilizzare nei periodi in cui il conto presenta saldo negativo. Il valore della consistenza deve essere segnalato con segno positivo in entrambi i casi.