Nato a Sulmona (AQ) il 16 luglio 1964. 

Nel luglio 1988 si è laureato con lode in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” di Roma, discutendo una tesi in diritto civile con il prof. Pietro Rescigno. Durante gli anni dell’università è stato borsista, accedendovi per concorso, della Residenza universitaria “Lamaro-Pozzani” dei Cavalieri del Lavoro.

Ha assolto il servizio militare come Ufficiale di complemento dell’Arma dei Carabinieri ed ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense.

Nel novembre 1991 è stato assunto in Banca d’Italia e assegnato all’Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria. 

Dirigente dal 2006, si è occupato, con responsabilità crescenti, di gestione delle crisi di intermediari bancari e finanziari, supervisione sui sistemi di garanzia dei depositanti, contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, coordinamento dei rapporti con le autorità giudiziarie, investigative e amministrative, autorizzazione all’attività bancaria e finanziaria. 

Ha seguito l’elaborazione della normativa e della regolamentazione in materia di crisi e antiriciclaggio; ha partecipato alla predisposizione e al recepimento di varie direttive comunitarie e a gruppi di lavoro dell’UNCITRAL e del Comitato di Basilea.

Nel febbraio 2017 è stato nominato Vice-Direttore dell’Unità di Risoluzione e Gestione delle Crisi e, in tale veste, ha rappresentato la Banca d’Italia a Comitati del Meccanismo Unico di Risoluzione e dell’Autorità Bancaria Europea. 

Da settembre 2020 è Titolare del Servizio Rapporti Istituzionali di Vigilanza. 

Autore di numerose pubblicazioni in materia di crisi bancarie e finanziarie e di antiriciclaggio, è stato relatore in convegni e incontri di studio e docente in seminari formativi. Ha tenuto corsi di diritto bancario presso le Università di Macerata e di Venezia e ha insegnato presso la LUISS G. Carli.