Piero CipolloneVice Direttore Generale

Go to the english version Cerca nel sito

Nato nel 1962, di nazionalità Italiana è sposato e ha due figli.

Membro del Direttorio e Vice Direttore Generale della Banca d'Italia dal 1° gennaio 2020 (D.P.R. del 10 gennaio 2020). In tale veste, è anche membro del Direttorio integrato dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS).

Dopo la laurea in Economia all'Università di Roma "La Sapienza", consegue un Master of Arts in Economics all'Università di Stanford. Nel 2001 è Visiting scholar all'Università della California, Berkeley.

Nel 1993 è assunto in Banca d'Italia e assegnato al Servizio Studi, dove lavora per 15 anni. Economista nell'ufficio Bilancia dei Pagamenti, nel 2004 assume la direzione dell'ufficio Mercato del Lavoro. Nel 2007 è nominato Commissario Straordinario, poi Presidente dell'Istituto di ricerca INVALSI, carica che lascia nel 2011. Dal 2010 all'ottobre 2014 è Direttore Esecutivo alla Banca Mondiale in rappresentanza dell'Italia, dell'Albania, della Grecia, di Malta, del Portogallo, di San Marino e di Timor-Leste, e ricopre, tra l'altro, la carica di Chairman dell'Audit Committee.

Rientrato in Banca, dal novembre 2014 è Capo del Servizio Pianificazione e controllo.

Autore e co-autore di molti articoli e papers in materia di commercio internazionale, economia del lavoro ed economia dell'istruzione pubblicati in numerosi giornali accademici, tra cui l'American Economic Review e il Journal of the European Economic Association, ha insegnato economia all'Università Luiss di Roma e all' Università dell'Aquila.

Dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2019 è Vice Capo del Dipartimento Bilancio e controllo, divenuto nel settembre 2017 Dipartimento Circolazione monetaria e bilancio. Dal settembre 2018 al settembre 2019 è consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri per gli affari economici.

Dal 1° ottobre 2019 al 31 dicembre 2019 è Funzionario generale con l'incarico di alta consulenza al Direttorio per l'organizzazione delle funzioni della Banca e le relazioni istituzionali.