Educazione finanziaria nelle scuole

Go to the english version Cerca nel sito

Le esperienze internazionali mostrano come la scuola costituisca un canale privilegiato per veicolare iniziative, conoscenze e competenze di educazione finanziaria e rivesta un ruolo fondamentale perché, da un lato, consente di raggiungere una vasta fascia della popolazione, con riferimento a tutti i ceti sociali; dall’altro, agevola il processo di avvicinamento, o familiarizzazione, dei consumatori di domani ai temi finanziari, prima che giunga il momento della vita in cui vengono effettuate scelte che possono incidere sul benessere economico.

I giovani si trovano oggi a dover fronteggiare situazioni e scelte finanziarie più impegnative di quelle vissute alla stessa età dai loro genitori. L’educazione finanziaria nelle scuole può produrre anche benefici “indiretti” per le famiglie: i giovani possono veicolare in maniera più o meno volontaria quanto acquisito anche ai genitori.

Progetto Ministero Istruzione Università Ricerca (MIUR) - Banca d'Italia

Il 6 novembre 2007 il Ministero della Pubblica Istruzione e la Banca d'Italia hanno siglato il Memorandum d'intesa "per l'avvio di un progetto sperimentale di formazione in materia economica e finanziaria in alcune scuole campione".

L'iniziativa di educazione finanziaria finalizzata a introdurre tale materia direttamente nei curricola della scuola, è volta a promuovere un programma di sviluppo che assicuri alle giovani generazioni le competenze e per assumere in futuro scelte consapevoli in campo economico e finanziario sia come cittadini, sia come utenti dei servizi finanziari.

Il progetto Educazione Finanziaria nelle scuole prevede un programma formativo modulare rivolto preferibilmente alle classi intermedie di ciascun ciclo scolastico.

Le materie trattate sono la moneta e gli strumenti di pagamento alternativi al contante, la stabilità dei prezzi e il sistema finanziario. In collaborazione con l’IVASS agli studenti più grandi viene proposto anche l’approfondimento della tematica RC auto.

Nell’edizione pilota, che si è svolta nell'anno scolastico 2008-2009, sono stati coinvolti circa 630 studenti di 32 classi di scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.

Nell'anno scolastico 2014-2015 hanno partecipato oltre 2.800 classi e 60.000 studenti.

Fino all’anno scolastico 2011-12 l’efficacia del progetto è stata valutata con dei test somministrati agli studenti prima e dopo il ciclo di formazione. I risultati di questo monitoraggio sono stati incoraggianti e hanno evidenziato come le conoscenze finanziarie dei partecipanti, misurate dalla percentuale delle risposte corrette nei test, aumentassero dopo le lezioni in classe.

Argomenti Correlati

Le guide della Banca d'Italia

Le guide della Banca d'Italia, attraverso un linguaggio semplice e chiaro, perseguono l'obiettivo di favorire la comprensione e l'accesso dei cittadini ad alcuni prodotti di ampia diffusione e di consentire scelte consapevoli e informate attraverso il confronto tra le diverse offerte presenti sul mercato.

Quaderni didattici

Nel quadro del programma di educazione finanziaria nelle scuole, avviato dalla Banca d'Italia d'intesa con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, è stata realizzata la collana I quaderni didattici della Banca d'Italia.

Altre pubblicazioni di educazione finanziaria

Questa sezione presenta note informative e approfondimenti su temi di educazione finanziaria.