N. 477 - L'output gap nell'area dell'euro secondo l'ottica di un modello DSGE

Go to the english version Cerca nel sito

di Lorenzo Burlon e Paolo D'Imperio gennaio 2019

Il lavoro propone una misura di output gap per l'area dell'euro costruita sulla base di un modello macroeconomico neo-keynesiano con rigidità nominali (DSGE), ampiamento diffuso in letteratura. In questo tipo di modelli l'output gap è definito come lo scostamento tra il livello effettivo del prodotto e quello che prevarrebbe in presenza di salari e prezzi flessibili.

La stima dell'output gap fornita dal modello è molto meno soggetta a revisioni rispetto a quelle ottenute con metodologie basate sul filtraggio statistico dei dati. Secondo questa stima, nei periodi più recenti il grado di sottoutilizzo della capacità produttiva nell'area dell'euro sarebbe più ampio di quello indicato dalla maggior parte delle istituzioni internazionali, coerentemente con la persistente debolezza dell'inflazione.

Testo della pubblicazione