N. 247 - La valutazione delle università italiane in base agli esiti dei laureati sul mercato del lavoro

Go to the english version Cerca nel sito

di Emanuele Ciani, Vincenzo Mariani novembre 2014

Studiamo come il mercato del lavoro valuta implicitamente il sistema universitario italiano stimando le differenze nei tassi di occupazione e nei salari dei laureati provenienti da diverse università. Utilizzando le nostre stime, proponiamo tre ranking delle università basati, rispettivamente, sul tasso di occupazione, sui salari e sul prodotto fra i due. Stimiamo l’effetto di essersi laureati in una particolare università sull’occupazione e sui salari, isolandolo da quello del settore disciplinare di specializzazione dell’ateneo, dalle caratteristiche osservabili dei laureati e dal mercato del lavoro di riferimento. Per tenere conto di quest’ultimo, aggiungiamo il tasso di occupazione dei laureati nella regione di residenza fra le variabili di controllo, ma lo strumentiamo con la residenza prima degli studi allo scopo di correggere per la scelta endogena di spostarsi in un’altra regione. Discutiamo i pro e i contro della nostra metodologia e confrontiamo i nostri risultati con altri ranking disponibili per le università italiane.