English version  [ A | A | A ]


Ricerca avanzata

Salta la navigazione


Ti trovi in:
HomePubblicazioniPubblicazioni economicheQuestioni di economia e finanza (Occasional Papers)n. 76 - Lezioni dalla crisi per la stabilità finanziaria e la vigilanza bancaria

n. 76 - Lezioni dalla crisi per la stabilità finanziaria e la vigilanza bancaria

Alessio De Vincenzo, Maria Alessandra Freni, Andrea Generale, Sergio Nicoletti Altimari, Mario Quagliariello, dicembre 2010

La crisi finanziaria iniziata nel 2007 ha rivelato la necessità di nuovi approcci regolamentari e di vigilanza per rafforzare il sistema e contenere il rischio che episodi simili possano ripetersi. Tre elementi sono essenziali per assicurare la stabilità finanziaria: un'analisi sistemica approfondita, una migliore regolamentazione e una più efficace cooperazione internazionale.

In primo luogo, le analisi sulla stabilità finanziaria devono essere migliorate per comprendere in modo completo le origini del rischio sistemico. A tal fine, occorrono dati più ricchi sulle istituzioni finanziarie non bancarie e sulle società non finanziarie. Inoltre, per affrontare i problemi posti dall'interconnessione tra istituzioni finanziarie si rende necessaria un'informazione dettagliata e tempestiva sulle loro esposizioni. Deve essere soprattutto rafforzato il legame tra le informazioni di natura macroprudenziale e quelle microprudenziali e migliorati i modelli utilizzati per le analisi sulla stabilità finanziaria.

Il secondo elemento è la predisposizione di efficaci misure regolamentari. Sotto l'egida del G20 e del Financial Stability Board, il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha formulato proposte per rafforzare significativamente i livelli di patrimonializzazione e di liquidità delle banche. L'applicazione delle nuove regole porterà a un consistente aumento della base patrimoniale, a livelli di leverage più contenuti, a una minore prociclicità e a un miglior controllo del rischio di liquidità.

Infine il terzo elemento è il rafforzamento della cooperazione internazionale. Assicurare scambi di informazioni tra gli organi di vigilanza in diverse giurisdizioni ed azioni comuni efficaci è fondamentale per il mantenimento dell'integrazione finanziaria, evitando spill-over negativi tra mercati e paesi. Sistemi di risoluzione delle crisi meglio disegnati dovranno assicurare che dalla crisi di una singola istituzione non derivino conseguenze sulla capacità dei mercati finanziari di continuare a fornire servizi essenziali per l'economia.



  • Questa sezione ospita i comunicati stampa della Banca d'Italia in ordine cronologico, le notizie su temi di rilevanza per l'Istituto, l'agenda degli eventi, le procedure di accreditamento e le richieste di informazioni dei giornalisti, il calendario delle pubblicazioni statistiche, foto gallery e video gallery.
  • Vai a Media ed Eventi
  • Contatti comunicazione e media

E-MAIL ALERT E RSS

  • Il servizio di E-mail Alert consente di ricevere avvisi in posta elettronica sulle novità pubblicate sul sito della Banca d'Italia.

    Iscriviti al servizio E-mail Alert

    RSS (Really Simple Syndication) è una modalità di distribuzione di contenuti web che consente la notifica automatica delle novità pubblicate direttamente sul proprio computer e in tempo reale.

    Iscriviti al servizio RSS

Torna all'inizio della pagina