Sistema informativo delle operazioni degli enti pubblici

Go to the english version Cerca nel sito

Il Sistema informativo delle operazioni degli enti pubblici (SIOPE) rileva telematicamente gli incassi e i pagamenti effettuati dai tesorieri delle Amministrazioni pubbliche. Il SIOPE nasce dalla collaborazione tra la Ragioneria Generale dello Stato, la Banca d'Italia, l'ISTAT e il mondo bancario in attuazione della legge n. 289 del 2002, art. 28 ed è disciplinato dalla legge n. 196 del 2009, art. 14, commi 6-11. La gestione del SIOPE è stata affidata alla Banca d'Italia con la convenzione del 31 marzo del 2003.

Il SIOPE è stato avviato nel 2003 per i pagamenti del Bilancio dello Stato effettuati tramite una procedura di spesa denominata mandato informatico, ed è destinato a essere esteso a tutte le Amministrazioni pubbliche individuate nell'elenco annualmente pubblicato dall'ISTAT in applicazione di quanto stabilito dalla legge n. 196 del 2009, art. 1 comma 3.

Il SIOPE risponde all'esigenza di:

  1. migliorare la conoscenza dell'andamento dei conti pubblici, sia sotto il profilo della quantità delle informazioni disponibili, sia sotto il profilo della tempestività
  2. superare, attraverso una codifica uniforme per tipologia di enti, le differenze tra i sistemi contabili attualmente adottati dai vari comparti delle Amministrazioni pubbliche, senza incidere sulla struttura dei bilanci degli enti
  3. favorire il coordinamento della finanza pubblica centrale e periferica.

Con il decreto del Ministero dell'Economia e delle finanze del 23 dicembre 2009, che ha stabilito  il superamento della rilevazione trimestrale dei flussi di cassa, il SIOPE costituisce la principale fonte informativa per la predisposizione delle relazioni trimestrali sul conto consolidato di cassa delle Amministrazioni pubbliche da presentare alle Camere ai sensi della legge n. 196 del 2009, art. 14, comma 4.

In un primo tempo, il patrimonio di informazioni raccolto attraverso il SIOPE è stato reso disponibile ai soli enti coinvolti nella rilevazione attraverso il sito, al fine di agevolare l'impostazione delle politiche di bilancio e il monitoraggio della gestione da parte degli stessi enti. Dal 16 giugno 2014, in conformità del decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014, art. 8, i dati SIOPE delle Amministrazioni pubbliche gestiti dalla Banca d’Italia sono “liberamente accessibili” tramite il sito.

Sul sito SIOPE gestito dalla Banca d’Italia sono attualmente disponibili i dati relativi:

  1. alla quasi totalità delle Amministrazioni locali (Regioni, Province, Comuni, Unioni di Comuni, Università, Strutture sanitarie, Camere di commercio, ecc.)
  2. ad alcune Amministrazioni centrali (Enti di ricerca, Istituti zooprofilattici sperimentali)
  3. ai pagamenti effettuati dalle Amministrazioni statali (Ministeri) attraverso una specifica procedura di spesa denominata mandato informatico.

Infine, nell’ambito del processo di armonizzazione dei bilanci degli enti  territoriali  previsto dal decreto legislativo n. 118 del 23 giugno 2011, a norma della legge n. 42 del 2009 artt. 1 e 2, è previsto l’adeguamento dell’attuale codifica SIOPE al nuovo piano dei conti previsto dal decreto legislativo n. 118 del giugno 2011, art. 8.

Normativa di riferimento