TARGET2: il sistema dei pagamenti all'ingrosso

Go to the english version Cerca nel sito

Tra le diverse tipologie di sistemi di pagamento rivestono particolare importanza i sistemi all'ingrosso poiché trattano pagamenti di importo elevato scambiati tra banche. Gli importi rilevanti rendono questi pagamenti critici per gli intermediari finanziari e pertanto devono essere gestiti in maniera efficace e sicura al fine di garantire una fluida circolazione della liquidità nei sistemi finanziari.

L'adozione della moneta unica ha richiesto la costituzione di un sistema di pagamento in grado di distribuire adeguatamente la liquidità in tutti i paesi dell'Eurosistema: nasce così nel 1999 il sistema TARGET (Trans-European Automated Real-time Gross settlement Express Transfer system). Realizzato per consentire l'avvio della politica monetaria unica, TARGET operava in base a un principio di "armonizzazione minima" dei sistemi nazionali. Durante i primi quattro anni di operatività TARGET ha conseguito gli obiettivi per i quali era stato realizzato; tuttavia, l'esigenza di assicurare la piena armonizzazione dei servizi e dei relativi costi nonché una maggiore flessibilità per far fronte all'allargamento dell'Unione europea e dell'Eurozona, ha portato alla realizzazione di un sistema unico, TARGET2. Operativo dal 2007, TARGET2 si basa su una piattaforma unica condivisa (Single Shared Platform, SSP) - sviluppata dalle banche centrali di Francia, Germania e Italia - che regola gli ordini di pagamento provenienti dagli intermediari bancari e finanziari europei.

TARGET2 rappresenta quindi un presupposto necessario al buon funzionamento della moneta unica ed è uno dei pilastri sui quali si regge il processo di integrazione finanziaria dall'area dell'Euro tutt'ora in corso.

I livelli di servizio attesi dagli utenti e sanciti contrattualmente sono molto elevati: il 95 per cento delle transazioni deve essere regolato in meno di cinque minuti. TARGET2 nel 2017 ha regolato tutti i pagamenti entro 5 minuti, confermando i livelli di eccellenza dimostrati anche in passato.

Il sistema TARGET2 dal punto di vista giuridico si articola in singole componenti nazionali; ciascuna banca centrale nazionale opera secondo il principio del "decentramento", mantenendo rapporti amministrativi e operativi con i partecipanti alla piattaforma operanti nel paese. Alla componente italiana (TARGET2-Banca d'Italia) partecipano, direttamente o indirettamente, circa 200 tra banche e sistemi ancillari connessi; le relazioni, operative e contrattuali, con tali operatori sono tenute da uno specifico team della Banca d'Italia.

TARGET2 oggi è la principale piattaforma europea per il regolamento in tempo reale di pagamenti di importo rilevante di proprietà dell'Eurosistema e consegue tre finalità principali:

  • fornire un sistema di regolamento sicuro e affidabile per le transazioni in euro in tempo reale su base lorda (RTGS - real-time gross settlement);
  • aumentare l'efficienza dei pagamenti denominati in euro;
  • consentire la trasmissione degli impulsi della politica monetaria nell'area euro.

TARGET2 effettua il regolamento dei pagamenti sui conti aperti dalle banche partecipanti presso le rispettive banche centrali nazionali: la presenza della moneta di banca centrale rende quindi il sistema più sicuro rispetto all'utilizzo della moneta commerciale, soggetta infatti al rischio di inadempimento dell'intermediario presso il quale è aperto il conto di regolamento. Questa peculiarità accresce la robustezza della piattaforma di fronte a eventuali crisi finanziarie, contribuendo alla mitigazione del rischio sistemico.

TARGET2 è utilizzato per il regolamento di pagamenti relativi a operazioni di politica monetaria, pagamenti interbancari, operazioni per conto della clientela delle banche partecipanti e transazioni dei cosiddetti sistemi ancillari (come i sistemi di pagamento al dettaglio, i sistemi di regolamento titoli, le controparti centrali, i mercati monetari).

L'accesso diretto a TARGET2 è garantito a ogni operatore che rispetti i requisiti d'ammissione specificati nella TARGET2 Guideline, e prevede differenti modalità tecniche, lasciando liberi i partecipanti di scegliere la configurazione più adatta alla propria operatività. È inoltre possibile accedere a TARGET2 attraverso la partecipazione indiretta, tramite accordi contrattuali bilaterali con uno dei partecipanti diretti.

Il sistema si avvale di una piattaforma unica condivisa (Single Shared Platform - SSP) sviluppata dalla Banca d'Italia in collaborazione con Deutsche Bundesbank e Banque de France (le cosiddette 3CB) e garantisce la disponibilità di servizi di pagamento in euro in un'area geografica più ampia dell'area stessa. I livelli di servizio attesi e le relazioni legali tra l'Eurosistema e le 3CB, in virtù del loro ruolo di service provider della piattaforma, sono sanciti contrattualmente. La Banca d'Italia si occupa sia della gestione operativa della piattaforma che del supporto e dell'assistenza alla comunità finanziaria nazionale.

Nel ruolo di service provider rappresenta, insieme alla Bundesbank, il punto unico di contatto per tutte le banche centrali nazionali (BCN) aderenti al sistema, intervenendo in caso di malfunzionamenti dello stesso, monitorando il rispetto dei livelli di servizio attesi e contribuendo alla sua manutenzione e agli sviluppi evolutivi oltre che alla gestione dei profili amministrativi, legali e di sicurezza. Inoltre gestisce sia le infrastrutture informatiche dedicate al funzionamento del sistema sia quelle necessarie allo sviluppo.

Nel ruolo di supporto e assistenza alla comunità finanziaria nazionale, rappresenta il punto unico di contatto tecnico-amministrativo per gli intermediari finanziari italiani, monitora il regolamento dei pagamenti, con particolare attenzione a quelli di importo rilevante o connessi con i sistemi ancillari e interviene in caso di malfunzionamenti che riguardino il sistema stesso o i singoli partecipanti.

Dal punto di vista dei valori trattati, TARGET2 è uno dei più grandi sistemi di pagamento al mondo.

Ad oggi, 25 banche centrali dell'Unione europea - con le loro rispettive comunità di utenti - partecipano o sono direttamente connesse a TARGET2: 20 banche centrali dell'area euro (inclusa la Banca centrale europea), oltre alle banche centrali di Bulgaria, Croazia, Danimarca, Polonia e Romania.

I numeri di TARGET2 (aggiornamento al 2017, fonte: TARGET2 Annual Report)

  • 1.073 partecipanti diretti e 684 indiretti
  • 350.000 pagamenti regolati in media ogni giorno, per una media giornaliera complessiva di 1.697 miliardi di euro - importo medio regolato: circa 4,8 milioni di euro
  • 90 per cento del valore complessivo dei pagamenti di importo elevato regolati in euro
  • I pagamenti al dettaglio (customer payment) sono il 57 per cento dei pagamenti totali
  • Quasi il 70 per cento dei pagamenti totali è di importo inferiore a 50.000 euro
  • Disponibilità tecnica della piattaforma: 100 per cento, con il 99,8 per cento delle transazioni processati in meno di 5 minuti

I numeri della componente italiana di TARGET2 (aggiornamento al 2017, fonte: TARGET2 Annual Report)

  • 89 partecipanti diretti e 42 indiretti
  • 34.000 pagamenti regolati in media ogni giorno, per una media giornaliera di 68 miliardi di euro - importo medio regolato: circa 2 milioni di euro
    La quota dell'Italia sul totale dei pagamenti in TARGET2 è pari al 10 per cento in termini di numero di transazioni e al 4 per cento circa in termini di controvalore, in linea con le percentuali registrate nell'anno precedente


Un aspetto fondamentale riguarda le modalità di connessione al sistema attraverso le quali il partecipante interagisce con la piattaforma per l'invio di messaggi di pagamento, le interrogazioni al sistema, la ricezione di notifiche e report. Le banche possono connettersi a TARGET2 per mezzo di SWIFT che è la rete dedicata ai servizi finanziari più diffusa al mondo.

La piattaforma è sottoposta a un'attività di manutenzione annuale (release) che ha lo scopo di aggiornare i servizi offerti e di introdurre nuove funzionalità tecniche e di business anche in relazione all'avvio di nuovi progetti. Con il prossimo aggiornamento (release 12.0, prevista per novembre 2018) saranno rilasciate le funzionalità necessarie per adattare il sistema al nuovo servizio TIPS (TARGET Instant Payment Settlement), volte a garantire la fluidità dei trasferimenti di liquidità fra i conti dei partecipanti in TARGET2 e i conti TIPS.

Contatti

Dipartimento Mercati e sistemi di pagamento
Servizio Sistema dei pagamenti
Divisione Sistemi di Pagamento all'Ingrosso
Via Pastrengo, 14 - 00185 Roma

Tel: +39 06 4792 5700
e-mail: prod.t2t2s@bancaditalia.it

Dipartimento Mercati e sistemi di pagamento
Servizio Sistema dei pagamenti
Divisione Infrastrutture di mercato dell'Eurosistema
Largo Guido Carli, 1 - 00044 Frascati

Tel: +39 06 4792 6000
e-mail: SSP-SERVICEDESK-IT@bancaditalia.it

Guida per gli aderenti

La Guida per gli aderenti TARGET2-Banca d'Italia presenta le caratteristiche normative e funzionali del sistema TARGET2-Banca d'Italia e dell'Home Accounting Module (HAM) della Single Shared Platform (SSP) di TARGET2.

Formulari T2

Formulari per la registrazione al sistema TARGET2-Banca d'Italia di partecipanti diretti, indiretti e sistemi ancillari, e per la registrazione al modulo HAM di titolari di conto HAM e CB customers; nella sezione è compresa inoltre la Guida (User Guide for collection of static data) nella quale sono descritte le modalità di compilazione dei formulari.

Formulari T2S

Formulari per la registrazione al sistema TARGET2 - Securities di titolari di conto Cash connessi direttamente o indirettamente al Sistema; nella sezione è compresa inoltre la Guida (Registration Guide for DCA Holders) nella quale sono descritte le modalità di compilazione dei formulari.

Modulistica per la contingency

Moduli da inviare a Banca d'Italia in caso di operazioni di contingency.